7 Aprile 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Giovedì, 12 Ottobre 2017 15:19

Meteo: un caldo anomalo su tutta l'Italia nei prossimi giorni

Meteo: un caldo anomalo su tutta l'Italia nei prossimi giorni
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Caldo anomalo sul nostro Paese per i prossimi girorni. Prosegue l'ottobrata almeno fino al 20 del mese con assenza di piogge e temperature sopra le medie stagionalei.

“Si prospetta una settimana senza piogge rilevanti su due terzi d’Europa, più precisamente sul comparto centro-meridionale, compresa anche l’Italia dove probabilmente l’attuale fase siccitosa proseguirà anche oltre. Questa situazione è causata da una gigantesca area anticiclonica che assumerà una chiara componente nord-africana evidenziata dal richiamo di aria molto calda dalle zone nord-occidentali dell’Africa verso l’Europa sud-occidentale e successivamente verso il resto dei Paesi centro-meridionali."

"Questa componente tropicale sarà accentuata dal transito sul vicino Atlantico dell’uragano Ophelia che, fra domenica e l’inizio della prossima settimana, andrà a sfiorare i settori atlantici del continente finendo, in forma più attenuata, in prossimità delle Isole Britanniche; la massa d’aria calda poderosamente richiamata dal ciclone raggiungerà tutti i Paesi occidentali, l’area del Mare del Nord e l’Europa Centrale, diluendosi poi nel resto dei Paesi orientali e meridionali, compresa l’Italia. Vivremo dunque la cosiddetta “Ottobrata”, una fase di caldo anomalo per il mese di ottobre con temperature che, fra il weekend e l’inizio della settimana, arriveranno a toccare picchi di 24-28 gradi in gran parte del territorio. Valori elevati anche in montagna con lo zero termico che sulle Alpi arriverà a quota 4000-4200 metri, vanificando in parte l’innevamento settembrino." 

"Due facce di una stessa medaglia: se, da una parte, l’alta pressione regalerà a molti italiani giornate soleggiate e miti con temperature gradevoli, dall’altra registreremo un’anomala assenza di piogge proprio in un mese che invece dovrebbe essere tra i più piovosi, tornando ad aggravare la siccità diffusa in molte regioni d’Italia. Inoltre la stabilità atmosferica, con il passare dei giorni, favorirà la formazione di locali nebbie nelle ore più fredde e un incremento della concentrazioni degli inquinanti nelle grandi città. Nella giornata di ieri il Pm10 ha superato abbondantemente la soglia limite di 50 µg/m³, arrivando a valori vicini ai 90 µg/m³ in Lombardia.”

 

PREVISIONI PER VENERDÌ

Giornata con prevalenza di tempo soleggiato, a parte qualche annuvolamento fra Liguria e alta Toscana, e sul versante tirrenico di Calabria e Sicilia, specie in mattinata. Fra la notte e il primo mattino non si esclude la presenza di qualche banco di nebbia su basso Veneto ed Emilia, e nelle valli tra Toscana orientale e Umbria. Temperature minime vicine alla norma, massime stabili o in lieve aumento con valori dai 4 ai 6 gradi sopra la media: picchi dai 22 ai 26 gradi in gran parte del territorio.

 

CALDO ANOMALONEL WEEKEND

Nel fine settimana vivremo un caldo fuori stagione: l’ulteriore rinforzo dell’alta pressione di matrice africana determinerà un generale e lieve aumento delle temperature con valori che si porteranno diffusamente al di sopra delle medie stagionali. L’anomalia risulterà più marcata al Nord e nelle regioni tirreniche dove la differenza rispetto alla norma potrà essere nell’ordine di 5/6 gradi. Le zone più calde saranno l’Emilia, le regioni centrali tirreniche e la Sardegna dove si potranno raggiungere punte di 26-27°C. Nel dettaglio sabato l’ulteriore rinforzo dell’alta pressione garantirà un’altra giornata di tempo stabile e soleggiato in tutto il Paese. Da segnalare solo qualche modesta nuvola al Sud e sulle Isole, e locali nebbie fra basso Veneto ed Emilia, e nelle valli fra Toscana e Umbria. Temperature in lieve crescita: ampia escursione termica fra l’alba e il pomeriggio. Massime fino a 26-27 gradi sul settore tirrenico e in Sardegna, fino a 24-25 gradi nelle altre regioni. Venti a tratti moderati di Maestrale fra basso Adriatico e Ionio. Questa fase anomala proseguirà almeno fino a metà delle prossima settimana. Al momento non si intravvede alcuno sblocco significativo della circolazione atmosferica appena descritta. 

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

 

Leggi altri articoli della rubrica "Focus Regione"