30 Marzo 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Sabato, 02 Dicembre 2017 09:48

Meteo: sabato mattina neve in pianura al nord e Week End instabile al sud

Meteo: sabato mattina neve in pianura al nord e Week End instabile al sud
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Aria artica sull’italia: temperature in diminuzione ovunque, più sensibile al nord. Nella prima parte disabato neve fino in pianura al nord-ovest e sull’emilia occidentale.

Migliora da sabato pomeriggio, weekend con tempo molto instabile al centro-sud. La prossima settimana il tempo tornerà stabile e soleggiato con temperature pomeridiane in rialzo. Clima invernale con forti gelate di notte e al mattino al centro-nord. attenzione al rischio ghiaccio nelle aree innevate.

“La prima perturbazione di dicembre che, con il suo carico di aria fredda, sta raggiungendo l’Italia- affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo- sarà responsabile tra la sera e di oggi e la mattinata di sabato di maltempo di stampo invernale con neve fino a quote molto basse al Nordovest, anche in pianura in Piemonte, Lombardia ed Emilia Occidentale. Nel fine settimana la perturbazione scivolerà lentamente lungo la Penisola concentrando le precipitazioni soprattutto al Centro-Sud e consentendo, quindi, un progressivo miglioramento a partire dal Nord. Durante la prossima settimana si assisterà a un generale miglioramento grazie alla presenza in quota di correnti nord-occidentali asciutte che scorreranno lungo il margine orientale di un’alta pressione. Il tempo risulterà quindi stabile, spesso soleggiato, e con temperature diurne in risalita. Nelle notti invece, complici le schiarite e l’aria fredda affluita, le temperature scenderanno diffusamente sotto lo zero al Nord con conseguenti gelate, più intense nelle aree innevate del Nordovest”.

PREVISIONI PER SABATO

Al mattino ancora nevicate fino a bassa quota tra Val d’Aosta, Piemonte, entroterra ligure, sudovest della Lombardia ed Emilia occidentale, in graduale esaurimento entro sera con i fenomeni più insistenti tra ovest Alpi, basso Piemonte e Ponente ligure. Al Nordest e in Sardegna schiarite dal pomeriggio; residui rovesci al mattino sull’isola. Al Centro-Sud e in Sicilia nuovo graduale peggioramento con piogge o rovesci anche temporaleschi a iniziare dal settore tirrenico e dall’ovest dell’isola. Neve in Appennino a quote medio-alte. Minime in rialzo al Nord, in calo al Sud; massime in ulteriore lieve calo su Nordovest e Sardegna. Venti da moderati a forti sui mari di Ponente e tra Liguria, Emilia Romagna, Toscana e versante adriatico settentrionale. La nostra previsione per sabato ha un Indice di Affidabilità medio in tutta l’Italia (IdA pari a 70).

LE NEVICATE DELLE PROSSIME ORE

Il peggioramento in atto nel corso della giornata di venerdì nelle regioni di Nordovest darà i suoi massimi effetti, in termini di precipitazioni nevose, a partire dalla tarda serata odierna su Valle d’Aosta, Piemonte, entroterra ligure, Lombardia occidentale e sud-occidentale ed Emilia occidentale. In questi settori la neve potrà cadere fino a quota di pianura, con intensità da debole a moderata: nel resto della Lombardia e nel settore centrale dell’Emilia neve o neve mista a pioggia debole e intermittente, in esaurimento già nel corso della notte.

Nel corso della mattinata di sabato i fenomeni cesseranno anche nel resto della Lombardia e sull’Emilia, mentre nell’ovest e sud del Piemonte e nell’entroterra ligure di ponente le nevicate potrebbero proseguire fino a metà pomeriggio. Accumuli: i maggiori quantitativi, fino a 40-50 cm di neve fresca, sono attesi a ridosso delle Alpi piemontesi occidentali, tra il Cuneese e il Savonese, con il rischio di una leggera imbiancata fino in costa tra Genova e Savona. Nel settore centrale e nord-occidentale del Piemonte (Torinese, Vercellese e Biellese), nel Pavese orientale e nel Piacentino sud-occidentale tra 10 e 20 cm. Nel resto del Piemonte, nell’estremo ovest della Lombardia e nel settore prealpino-alpino lombardo quantitativi molto più irregolari, generalmente inferiori a 10 cm.

PREVISIONI PER DOMENICA

Domenica la perturbazione si sposterà verso sud-est interessando buona parte del Centro-Sud. Precipitazioni anche a carattere di rovescio o isolato temporale potranno ancora interessare il sud e l’est della Sardegna, la Sicilia occidentale, il settore tirrenico tra basso Lazio, Campania e Calabria, il settore adriatico tra Abruzzo e Puglia. Sull’Appennino centrale potrà cadere un po’ di neve fino a 600-800 m, sul quello meridionale fino a 900-1000 m.  Ampie schiarite, invece, al Nord, in estensione anche all’alta Toscana. Temperature minime in rialzo su gran parte del Centro-Sud, in calo invece al Nord con probabili gelate e rischio di ghiaccio nelle aree recentemente innevate. Massime in rialzo al Nord-Ovest, stabili o in lieve calo al Centro-Sud. Venti fino a moderati sull’Adriatico, al Sud e nelle Isole.

LA TENDENZA PER LA PROSSIMA SETTIMANA

Lunedì poche piogge residue in Calabria e sulla Sicilia tirrenica; prevarranno già le schiarite su gran parte del Centro-Nord, sulle coste campane e sull’est della Sardegna. Temperature quasi ovunque in ulteriore calo nelle minime, per lo più in rialzo nelle massime. Venti di Maestrale fino a moderati in Puglia, in Calabria e nelle Isole.

Da martedì il miglioramento si estenderà anche all’estremo Sud e il tempo sarà prevalentemente stabile con un clima comunque freddo e temperature nella leggermente al di sotto della media in particolare al Nord. Addensamenti di nuvole basse e innocue potranno interessare localmente il settore ligure e le Isole maggiori.

Tra mercoledì e giovedì, durante le ore notturne, non si esclude qualche locale nebbia lungo il Po tra basso Veneto ed Emilia, e nelle valli interne del Centro. 

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

 

Leggi altri articoli della rubrica "Focus Regione"