30 Marzo 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Mercoledì, 23 Maggio 2018 10:14

Musicoterapia: con la musica è possibile stare meglio ed essere felici

Musicoterapia: con la musica è possibile stare meglio ed essere felici
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Ci sono situazioni in cui il silenzio può essere assordante, mentre il giusto sottofondo musicale ci rallegra e fa stare bene, ci rilassa, ci fa recuperare energia vitale, ci aiuta perfino a dare il meglio di noi stessi durante un allenamento faticoso.

La musica può diventare addirittura un ausilio e un complemento per alcune forme di cura medica: in questo caso si parla di musicoterapia, una pratica ormai accreditata per molte patologie. Il supporto sonoro è però un valido ausilio anche nella vita quotidiana, nella quale ci aiuta a migliorare il nostro benessere.

COME CURA - Come spiega la World Federation of Music Therapy (Federazione Mondiale di Musicoterapia), l’uso della musica e dei suoi elementi costitutivi, come il ritmo, la melodia e l’armonia, è molto utile sia nel favorire la comunicazione, la relazione e l'apprendimento, ma anche la motricità e l'espressione. Insomma, la musica è un valido supporto nella soddisfazione di una serie di necessità fisiche, emozionali, mentali, sociali e cognitive: per questo può essere utilizzata come un vero e proprio strumento terapeutico complementare, ad esempio nei reparti di patologia neonatale, dove i piccoli nelle incubatrici trovano conforto nell’ascolto di un sottofondo di musica o canto, o nei laboratori di giochi musicali che aiutano i bambini ricoverati nei reparti pediatrici.

La musica si è dimostrato strumento utile anche nei casi di autismo, di Alzheimer ed altre malattie degenerative, e perfino per chi è affetto da disabilità motorie. In tutti questi casi favorisce il contatto tra gli operatori e il paziente, aiuta quest’ultimo ad esprimersi e a partecipare attivamente alla terapia e al processo di guarigione. E’ stato anche dimostrato che far ascoltare musica a una persona in attesa di un intervento chirurgico è più efficace, nel ridurre l’ansia, che somministrare farmaci sedativi.

PER IL BENESSERE - Non occorre però essere malati per sperimentare il potere curativo dei suoni. Sappiamo tutti che ascoltare la nostra musica preferita ci aiuta a rilassarci, a superare ansia e stress, a prendere sonno la sera e perfino a sopportare un dispiacere. E’ stato dimostrato scientificamente che ascoltare musica o suonare uno strumento ha significativi benefici per il benessere mentale e fisico: a livello fisico stimola il sistema immunitario, abbassa i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, e stimola la produzione di betaendorfine e ossitocina, ormoni della felicità e del benessere.

E per godere di tutti questi benefici non occorre avere uno spiccato talento musicale: ad esempio, cantare in un coro (un’esperienza alla portata di tutti o quasi) regolarizza la pressione arteriosa e ha effetti benefici sulla circolazione del sangue, sul ritmo del respiro e addirittura sui movimenti dell’intestino.

PER IL NOSTRO SPIRITO - In generale possiamo dire che la musica è un mezzo potente ed efficace per entrare in contatto con noi stessi, soprattutto con la nostra sfera emotiva, in una connessione all’insegna della gentilezza e della fantasia. Tutto questo accade perché la melodia è in grado di coinvolgere la sfera affettiva e quella dei sentimenti. La musica, ad esempio, ci mette a diretto contatto con i nostri sentimenti e ci aiuta ad esprimerli. E’ stato dimostrato che, quando ci sentiamo tristi, tendiamo ad ascoltare canzoni e musiche ancora più malinconiche.

Perché? Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica “Frontiers in Psychology”, questa predilezione è tipica delle persone particolarmente empatiche. La musica triste, in pratica, ci trasmette sensazioni simili a quelle che stiamo sperimentando: essendo però vissuta ed espressa da altri, favorisce una sorta di distacco dalla nostra situazione personale, ci aiuta a comprenderla e nello stesso tempo ci fornisce alcuni strumenti per affrontarla.

PER LO SPORT - Un altro campo in cui la giusta colonna sonora può realmente fare la differenza è l’attività sportiva, soprattutto se ci si dedica ad allenamenti faticosi come la corsa e il ciclismo. Sono moltissime le discipline che si praticano a suon di musica, dalla zumba a certi allenamenti funzionali: la musica segna il ritmo e scandisce il tempo dei movimenti; nello stesso tempo diverte e distrae dal pensiero della fatica. Gli effetti della musica nello sport sono noti e studiati fin dagli anni Novanta: è stato dimostrato che la musica durante la pratica sportiva può avere un piccolo ma significativo effetto sulla performance.

In particolare, promuove uno stato d’animo positivo, rende l’allenamento più divertente e aiuta a sincronizzare alcuni movimenti alla pulsazione musicale, aiutando l’atleta a “tenere il ritmo”. Non ultimo, come abbiamo detto prima, ha l’effetto di distrarre dal pensiero della fatica. Quindi, correre o pedalare con le cuffiette musicali nelle orecchie ha una sua utilità: basta scegliere una playlist che segua un ritmo in sincrono (o almeno in consonanza) con il battito cardiaco e con il respiro nelle varie fasi di allenamento, dal riscaldamento, al picco, fino al defaticamento conclusivo.

(articolo tratto da tgcom24 - link)

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

Leggi altri articoli della rubrica "Focus Regione"