30 Marzo 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Mercoledì, 20 Marzo 2019 14:29

Dalla carta ai pixel. La storia raccontata

Dalla carta ai pixel. La storia raccontata
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Venerdì 22 marzo alle ore 17 si terrà a Trento presso l'Officina dell'Autonomia (via Tommaso Gar 29) il secondo appuntamento del ciclo “Dalla Carta ai pixel. La storia raccontata”, un'iniziativa congiunta della Fondazione Museo storico del Trentino e di FBK – Istituto storico italo-germanico.

L'incontro dal titolo “Comics and Games. Il tratto ludico della storia” è dedicato a fumetti e videogiochi e al loro rapporto con il passato. Ne discutono storici, studiosi di media e professionisti del settore.

Letteratura disegnata e simulazioni elettroniche si incontrano sul terreno della Storia. Un incontro sull'appropriazione della storia attraverso i media ludici, quello che si terrà venerdì 22 marzo alle ore 17 presso l'Officina dell'Autonomia. Da una parte, il fumetto, che riprende episodi dimenticati, biografie poco note, eventi globali e li riduce all'essenziale, intrecciando segni, parole e atmosfere. Dall'altra, il videogioco, che richiede la partecipazione di una comunità di utenti per ri-creare un evento storico e costruire scenari alternativi.

Del primo parlano Sara Colaone, autrice di alcune graphic novel a carattere storico (In Italia sono tutti maschi, 2008; Ciao ciao bambina, 2010; Leda: che solo amore e luce ha per confine, 2016) e Sara Zanatta, sociologa dei media. Del secondo discutono Riccardo Fassone, studioso di giochi e media dell'Università di Torino, e Matteo Pozzi, del duo di graphic designer We Are Müesli, che ha ideato Venti Mesi, un gioco ambientato nella Milano del post-armistizio. Coordina l'incontro lo storico Maurizio Cau. L'appuntamento è rivolto agli appassionati di fumetti e videogiochi, ma anche agli storici e ai curiosi di storia.

Il ciclo “Dalla carta ai pixel. La storia raccontata” si compone di sei incontri e vuole stimolare una riflessione sul ruolo della storia nell’attuale panorama mediale, e più in generale nella costruzione di una storia pubblica, e problematizzare il ruolo di vecchi e nuovi media nella trasmissione del sapere storico. Per farlo sono stati coinvolti alcuni protagonisti del mondo culturale nazionale, invitati a dialogare sul rapporto tra sapere storico e divulgazione, sul peso del passato nella costruzione del presente e sulla specificità delle diverse forme di narrazione.

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

 

Leggi altri articoli della rubrica "Focus Regione"