22 Settembre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Martedì, 27 Agosto 2019 10:57

Evento finale per il festival "Storie d'Acqua"

Evento finale per il festival "Storie d'Acqua"
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Due saranno gli appuntamenti che chiudono Storie d'acqua, memoria narrata e cantata lungo la Fersina. Un progetto iniziato a giugno con un obiettivo preciso: far percepire l’acqua, partendo dal torrente Fersina fino al fiume Adige, come patrimonio comunitario, la cui conoscenza, cura e trasmissione competono a tutti.

Questo piccolo ed originale festival nasce dalla collaborazione e la sinergia tra numerose realtà, quali Amici della Storia e ariaTeatro, con il fondamentale supporto della STET e della Fondazione Caritro, con il sostegno del Comune di Pergine e la collaborazione del Comune di Palù del Fersina, l’Istituto culturale mocheno, le associazioni Eureka, Danzamania, Museo degli attrezzi agricoli di Canezza, Compagnia La Burrasca, Teatro delle Garberie e Sat di Pergine.

Un’iniziativa che comprende dunque percorsi pluridisciplinari finalizzati alla conoscenza del passato della valle attraversata dal torrente Fersina e dell’influenza dell’acqua sulla vita della gente.

Giovedì 29 agosto 2019 saranno due gli eventi collegati a Storie d’Acqua. Alle 19.30 prenderà il via la visita guidata dell’acquedotto Busneck e la degustazione dell'acqua con la partecipazione di Marco Larentis, formatore didattico dell’ASPI (Associazione della Sommellerie Professionale Italiana) e autore di pubblicazioni tecniche di sommellerie.

Seguirà poi una passeggiata verso la Centrale Idroelettrica di Canezza e proprio qui, alle ore 21, andrà in scena lo spettacolo Each2All con musica composta ed eseguita da Luca Vianini e con la performance di danza a cura di Elisa Libardi.

Una performance site specificche pone al centro della narrazione l'acqua: elemento primigenio alla base di tutte le forme di vita conosciute ma anche generatore di elettricità, ormai simbolo imprescindibile del mondo moderno. Un dialogo energico ed energetico tra movimento e suono all'interno della Centrale Idroelettrica di Canezza. Così come l'acqua imbrigliata e domata trasforma il suo vorticante fragore in una nuova forma di energia, la libertà e l'impeto primordiale della danza si contrappongono e intrecciano alla discretezza e attualità della musica elettrica-elettronica dal vivo. La partitura è stata scritta appositamente per l'occasione in cui, al contrappunto tra danza e musica, si aggiungerà anche il frastuono industriale delle due turbine Francis, vero cuore della centrale idroelettrica.

A conclusione di questo eclettico progetto, giovedì 5 settembre 2019 alle ore 19.30 presso il foyer del Teatro comunale di Pergine prenderà il via una tavola rotonda cogestita con la STET sul tema dell'acqua come bene comune, seguita da un rinfresco; il responsabile tecnico racconterà alcune curiosità rispetto alla gestione dell’acqua rese più divertenti dagli interventi del comico Mario Cagol.

Alle ore 21 verrà proiettato il film Storie di terre e d'acqua: Adige Etsch di Vittorio Curzel.
Un cammino lungo le rive dell'Adige e un viaggio nel territorio e nel paesaggio, dalla foce a sud di Chioggia, all'interno del parco del Delta del Po, fino alle sorgenti a 1550 m di altitudine, nascoste all'interno di un bunker militare dismesso nei pressi del Passo Resia e attraverso ambienti e culture diversi, dal Mare Adriatico alle Alpi. Secondo fiume in Italia (410 km), un tempo navigabile dal mare fino alle porte di Bolzano, l'Adige collega il mondo culturale italiano con quello tedesco. Le località sulle rive, con le diverse forme insediative che hanno caratterizzato il mondo germanofono e il mondo latino, hanno visto lo svolgersi di capitoli importanti e di periodi drammatici della storia europea, dalla preistoria fino alla contemporaneità. Lungo l'Adige corrono antiche vie di comunicazione e di commercio, come la via Claudia Augusta, itinerari percorsi da pellegrini, imperatori ed eserciti, scienziati e viaggiatori, ma anche molti artisti: pittori, musicisti, poeti, scrittori. La narrazione di frammenti della storia del fiume si intreccia con le performance di musicisti che testimoniano il riferimento alle tradizioni locali e l'apertura cosmopolita di una piccola parte d'Europa, fra Alpi e Mediterraneo.

Al termine della proiezione, l’autore Vittorio Curzel incontrerà il pubblico per un momento di confronto e condivisione.

 

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE


 

Leggi altri articoli della rubrica "Focus Regione"