6 Aprile 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Giovedì, 26 Marzo 2020 14:05

Carabinieri: decine le denunce e centinaia di controlli e verifiche a Trento

Carabinieri: decine le denunce e centinaia di controlli e verifiche a Trento
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Sono dovuti arrivare a Mezzolombardo ed essere fermati da una pattuglia dei Carabinieri per capire che avevano “sbagliato strada”.

Così si sono giustificati due commercianti georgiani che dalla Germania, a loro dire, stavano rientrando nel loro Paese. Due residenti a Trento sud erano in via Brennero, perché si erano dati appuntamento con degli altri amici.

C’è ancora chi si allena correndo troppo lontano dal domicilio e tanti che non rispettano le restrizioni necessarie al contenimento della diffusione di CoViD-19: chi si allontana troppo dal domicilio, chi passeggia senza alcuna motivazione e nemmeno prova a trovarne una.

Invero, i trasgressori sono calati, ma comunque per le strade s’incontrano ancora troppe persone, per poter ottenere l’effetto che tutto ciò sta costando all’intero Paese e non solo in termini economici, ma in quelli più gravi e dolorosi di malati e deceduti.

Non è più accettabile. È sufficiente una sola persona asintomatica, che per sbaglio incrocia qualcuno oppure, corre da solo, prende una storta e ha bisogno dell’aiuto di un passante se non di cure mediche… e in aggiunta distrae unità sanitarie, che sono già ridotte rispetto all’impegno e pressate per il costante incremento dei pazienti contagiati, aiutando che il virus si diffonda ulteriormente.

Un periodo che passa sicuramente lentamente, ma basta un attimo per infettarsi e l’epilogo per sé e troppo spesso per gli altri potrebbe non essere lo stesso.

L’unica risposta sensata è restare a casa.

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE FOCUS REGIONE

 

Leggi altri articoli della rubrica "Focus Regione"