Warning: getimagesize(/home/mhd-01/www.ondamusicale.it/htdocs/images/2014/RISORSE/MUSICA/grignani.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/mhd-01/www.ondamusicale.it/htdocs/plugins/system/simple_facebook_meta/simple_facebook_meta.php on line 67
Destinazione Paradiso. Rock & Roll Malinconico
14 Ottobre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Giovedì, 13 Febbraio 2014 09:19

Destinazione Paradiso. Rock & Roll Malinconico

Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Stefano Leto


“Destinazione Paradiso” è una canzone del 1995, contenuta nell’omonimo album “Destinazione Paradiso” cantata da Gianluca Grignani (Milano, 7 aprile 1972) che ne ha scritto sia il testo che la musica.

La canzone venne suonata da Grignani al Festival di Sanremo nel 1995, nella categoria  “Nuove proposte” ( adesso chiamata "categoria giovani”), in una versione ridotta perchè televisivamente e radiofonicamente sembrava troppo lunga. Nonostante questo piazzamento deludente ebbe un grande successo in Italia e nel mondo.

Successivamente Grignani inserì la versione integrale della canzone, con una strofa in più, nella sua raccolta “Il giorno perfetto” del 1999.

Il disco “Destinazione Paradiso” vendette oltre 2 milioni di copie in tutto il mondo, anche nell’America Latina.

Nella canzone si parla di un treno, un treno che porta alla morte, che fa pensare al suicidio. Nella strofa “un viaggio ha senso solo senza ritorno se non in volo” viene descritta proprio questa malinconia, questo pensare al suicidio, quando magari gli sforzi fatti per raggiungere certi obiettivi si sono rivelati vani.

Probabilmente non è un suicidio nel vero senso della parola, ma può essere inteso come un essere “giù di morale”, quando si sente di non farcela e tutto sembra difficile e complicato. Insomma quando si è depressi.

“Io mi prenderò il mio posto e tu seduta lì al mio fianco mi dirai destinazione paradiso”, e ancora “prendo un treno che va a paradiso città e vi saluto a tutti e salto su, prendo il treno e non ci penso più”. Il testo fa anche  riferimento ad una fantomatica stazione ferroviaria di "Paradiso" (o "Paradiso Città"), da raggiungere con un treno che simboleggia la morte, sottintendendo appunto il suicidio.

Molto apprezzata, anche dallo stesso Grignani, è  una cover di questa bellissima canzone cantata da Laura Pausini nel 1996, che è contenuta nel suo disco “Io canto”.

Grigani adesso vive insieme alla sua compagna Francesca e insieme hanno tre figli, dopo avere vissuto una vita da autentica rock-star, con eccessi e scelte a volte sbagliate. Il rapporto con il suo pubblico però è rimasto invariato, ricco di passione e di canzoni che ci hanno fatto sognare.

 

 

Stefano Leto

Leggi altri articoli della rubrica "Focus Regione"