7 Aprile 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Sabato, 21 Giugno 2014 09:23

How to save a Life: Quant'è difficile prestare aiuto?

Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore


Tutti ci siamo trovati in momenti di difficoltà, periodi in cui non si vedeva alcuno sbocco e nessuna possibilità di miglioramento. È molto difficile affrontare questi momenti da soli e spesso si ha il bisogno di chiedere aiuto alle persone più vicine: parenti, compagni, amici, mentori.

Chiedere aiuto è un atto di estrema fede e coraggio, ci si apre completamente a chi potrebbe anche voltarci le spalle e rigettarci ancora più in profondità nel baratro da cui tentavamo così faticosamente di uscire; ma anche chi presta il proprio aiuto si trova in una situazione non facile: nessuno può essere sicuro che il proprio suggerimento si completamente giusto per la situazione o la persona che ci troviamo di fronte e un errore nel valutare una situazione nella quale non si è del tutto coinvolti potrebbe fare più male che bene.

Il 28 agosto 2006 la band statunitense The Fray ha rilasciato, solo negli Stati Uniti, il brano How To Save A Life.

Il testo del brano è stato scritto e composto dal cantante della band, Isaac Slade: Isaac aveva recentemente svolto l'attività di mentore presso un campeggio che ospitava adolescenti problematici e commentò l'esperienza dicendo "non esiste un manuale su come salvare una vita".

Questa canzone è la Title Track (canzone che da il titolo ad un album, ma non per forza quello in cui è contenuta) del loro album d'esordio nonché il secondo singolo estratto.

Il Singolo è di genere Piano Rock (ispirato al rock ma con massiccio impiego di Pianoforte e strumenti simili quali Fender Rhodes, piano elettrico Wurlitzer e talvolta sintetizzatore) ed ha una durata di tre minuti e cinquantotto secondi.

Il Brano è stato il più grande successo commerciale della Band entrando nella Top Five di Australia, Irlanda, Svezia e Regno Unito, ha vinto tre dischi di Platino negli Stati Uniti vendendo più di 3.703.000 copie. Ha inoltre raggiunto la prima posizione nella classifica di Bulgaria, Canada, Irlanda, Spagna ed in tre calssifiche Bullboard: U.S. Billboard Hot Adult Contemporary, U.S. Billboard Hot Adult Top 40 Tracks, U.S. Billboard Hot Digital Tracks (grazie a più di due milioni di Download digitali). Il Singolo è stato anche nominato ai Grammy Awards del 2007 come miglior performance musicale, ma il premio è poi andato a Dani California dei Red Hot Chili Peppers.

Visto il grande successo commerciale, sono stati realizzati cinque diversi video per questo brano: Il primo video riproduceva alcuni incidenti stradali le cui vittime finivano "sospese" nel tempo, una luce in mezzo ad un bosco e la band che suonava in un magazzino. La seconda versione propone alcuni spezzoni di un episodio del telefilm Grey's Anatomy (in cui la canzone è stata usata per due diversi episodi) in cui i medici tentano di salvare delle persone intervallando sempre spezzoni della band che suona. Il terzo video vede sfilare, su di uno sfondo bianco, i volti di una serie di adolescenti tutti dall'espressione triste e depressa; sullo stesso sfondo appare la band che suona e , alla fine, i volti degli stessi ragazzi che sono diventati felici. Questa versione ha raggiunto il nono posto della classifica "50 Worst Music Video Ever" (50 peggiori video musicali di sempre) redatta dal New Musicall Express che lo ha definito "terribile" inquanto fa sembrare "la solitudine uno spot per la collezione estiva di Gap". Il quarto ed il quinto video mostrano le immagini dell'attentato alle Torri Gemelle avvenuto l'11 settembre del 2001 e della città di New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina.

Il brano è stato inoltre impiegato come colonna sonora di molte serie televisive: il sopracitato Grey's Anatomy, Scrubs, One Tree Hill, Saving Hope e nel trailer del film The Blind Side.

I versi della canzone descrivono il tentativo di un adulto di confrontarsi e prestare aiuto ad un adolescente con problemi: Step one you say we need to talk (Passo uno, tu dici che abbiamo bisogno di parlare) He walks you say sit down it's just a talk (lui cammina, tu dici siediti è solo una chiacchierata) He smiles politely back at you (lui ti sorride educatamente di rimando) You stare politely right on through (tu educatamente lo fissi negli occhi) Some sort of window to your right (C'è una specie di finestra alla tua destra) As he goes left and you stay right (ma lui va a sinistra e tu stai a destra) Between the lines of fear and blame (in mezzo alla linea tra paura e colpa) You begin to wonder why you came (inizi a chiederti perché sei venuto).

Qui inizia il ritornello: Where did I go wrong, I lost a friend (dove ho sbagliato, ho perso un amico) Somewhere along in the bitterness (da qualche parte, lungo l'amarezza ) And I would have stayed up with you all night (e io sarei stato in piedi con te tutta la notte ) Had I known how to save a life (se avessi saputo come salvare una vita)

Let him know that you know best (fagli sapere che tu lo conosci meglio di chiunque altro) Cause after all you do know best (perché, dopotutto, lo conosci davvero meglio degli altri) Try to slip past his defense (cerca di infiltrarti oltre le sue difese) Without granting innocence (senza garantirgli l'innocenza) Lay down a list of what is wrong (stilla una lista di cosa è sbagliato) The things you've told him all along (le cose che gli hai sempre detto) And pray to God he hears you (e prega Dio che lui ti stia a sentire) And pray to God he hears you (e prega Dio che lui ti stia a sentire).

Qui si ripete un secondo ritornello.

As he begins to raise his voice (Appena lui inizia ad alzare la voce) You lower yours and grant him one last choice (abbassa la tua e concedigli un'altra possibilità) Drive until you lose the road (guida finché non perdi la strada) Or break with the ones you've followed (oppure rompi i rapporti con quelli che hai seguito) He will do one of two things (lui farà una di due cose:) He will admit to everything (lui ammetterà tutto) Or he'll say he's just not the same (o dirà che non è più lo stesso) And you'll begin to wonder why you came (e tu inizierai a chiederti perché sei venuto).

A questo punto della canzone il ritornello si ripete quattro volte per poi lasciare posto al silenzio.

Il testo descrive le sensazioni di chi presta il suo aiuto ed il suo consiglio: le parole “ma lui va a sinistra e tu stai a destra” indicano che ognuno è fisso sulle proprie opinioni, “in mezzo alla linea tra paura e colpa” indica i sentimenti che si provano a dare un consiglio, la paura di sbagliare e la colpa di non poter fare di più. La frustrazione è definita dalle parole “inizi a chiederti perché sei venuto”se lui non ascolta cos'hai da dire. Tuttavia bisogna insistere, “fagli sapere che tu lo conosci meglio di chiunque altro”, “cerca di infiltrarti oltre le sue difese” “senza garantirgli l'innocenza” cioè lasciandogli la responsabilità delle proprie scelte. “Guida finché non perdi la strada” vuole dire di non abbandonare fino all'ultimo per non gettare nel fango tutto il lavoro fatto finora.

Alla fine ci sono solo due strade possibili: ammettere di avere un problema e cercare di risolverlo oppure continuare a negare e lasciare tutto com'è. Il prestare aiuto deve essere un atto senza speculazione: non dobbiamo fa si di sentirci migliori di chi l'aiuto lo riceve e non dobbiamo pensare di essere migliori siccome non necessitiamo di aiuto, perché la vita è una ruota che gira e prima o poi ci ritroveremo nei panni di coloro che ci chiedevano aiuto e spereremo che si comporteranno esattamente come noi ci saremmo dovuti comportare.

 

 

Tiziano Piazza

Leggi altri articoli della rubrica "Focus Regione"