6 Dicembre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Lunedì, 25 Febbraio 2019 10:36

Carlo Aonzo Trio: arriva "Mandolitaly"

Carlo Aonzo Trio: arriva "Mandolitaly"
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Dopo “A Mandolin Journey”, viaggio attraverso i continenti, il celebre mandolinista savonese torna a viaggiare, questa volta lungo la tradizione italiana alla riscoperta della colonna sonora del nostro paese. (leggi la nostra intervista)

Carlo Aonzo con il suo Trio presenta Mandolitaly”. Dopo A Mandolin Journey, viaggio attraverso i continenti, il celebre mandolinista savonese torna a viaggiare, questa volta lungo la tradizione italiana alla riscoperta della colonna sonora del nostro paese. Filo conduttore il mandolino che, nella chiave moderna ed eclettica di Aonzo, con il suo personalissimo stile, rende la rilettura di questo repertorio attuale e sorprendente. A fianco di Aonzo sono: Lorenzo Piccone alla chitarra e Luciano Puppo al contrabbasso.

Da Calace a Modugno, passando attraverso le regioni italiane e la migliore tradizione canzonettistica del Paese, il mandolino di Aonzo spariglia le carte e getta una luce nuova sulla nostra memoria musicale: dalle internazionali Arrivederci Roma e Roma nun fa la stupida stasera ai grandi padri storici del mandolino come Raffaele Calace e Carlo Munier, con un tuffo nel repertorio classico, il tutto come sempre rivisitato negli arrangiamenti, che prediligono la contaminazione tra diversi stili, caratteristica del Trio.

Musicista colto e fuori dagli schemi, Carlo Aonzo ha riversato su questo strumento l’arte barocca della meraviglia: quella abilità di mettere lo spettatore di fronte alla magia di cui è capace l’arte uscendo dall’usuale e dal consueto per affondare semplicemente nel vasto e poliedrico mondo della creatività, che non ha e non vuole avere limiti. E così l’arrangiamento di Volare (Nel blu dipinto di blu), che abbiamo ascoltato nella nostra vita in tutte le versioni possibili e immaginabili, si lascia contaminare dallo choro sud-americano allo swing fino ad un’intima ambientazione di carattere romantico. E John Coltrane viene, viceversa, immaginato a tarantellare fra le vie di Napoli.

Forte del successo, in Italia, Europa e Stati Uniti, di A Mandolin Journey che ha voluto indagare l’evoluzione che lo strumento simbolo dell’Italia ha avuto nel mondo, il Carlo Aonzo Trio ha trasferito sul repertorio prettamente italiano gli arrangiamenti di brani classici e popolari, il gusto e la contaminazione che sono state del precedente progetto: swing, jazz, ritmi complessi, con forti influenze statunitensi e sudamericane, unendo in un mix ricco di atmosfere e sonorità musica colta e tradizione, valori artistico-musicali estremamente importanti del nostro Paese.

Alcuni dei brani che fanno parte del nuovo programma “Mandolitaly”:

• Voce e' Notte

• Tarantella (Calace-Coltrane)

• Mazurka Sentimentale, Marcia Eroica (Munier)

• Arrivederci Roma, Roma nun fa' la stupida stasera

• Baciami Piccina, Un Bacio a Mezzanotte

• Vulcano, Katia

• Nel blu dipinto di blu (Volare)

• Toccata Paradisi

• Ma se ghe pensu

• Da un balcone Ungherese (Bruzzone)

 

BIO CARLO AONZO

Diplomato in mandolino cum laude presso il Conservatorio di Padova e vincitore, tra gli altri, del 1° premio "Vivaldi" alla Vittorio Pitzianti National Mandolin Competition di Venezia e alla Walnut Valley National Mandolin Contest, Winfield, Kansas, Carlo Aonzo e’ concertista di fama internazionale e si esibisce regolarmente in Italia, Europa, Giappone e Stati Uniti, dove si afferma quale principale divulgatore del mandolino classico italiano. Ha collaborato con numerose prestigiose istituzioni musicali tra cui la Filarmonica del Teatro alla Scala, l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, la Nashville Chamber Orchestra (Usa) e la McGill Chamber Orchestra di Montréal (Canada).

Ha al suo attivo numerosi progetti discografici con collaborazioni internazionali d’eccellenza che spaziano in vari generi musicali: dalle opere di Paganini per mandolino, ai virtuosi italiani di inizio ‘900, dalle melodie degli immigrati italiani in America al mandolino folk americano e alle Quattro Stagioni di Vivaldi per mandolino solo. Nel 1998 ha fondato l’Orchestra a Pizzico Ligure con la quale si e’ esibito per Papa Giovanni Paolo II, e’ titolare di un corso annuale a partecipazione internazionale che si tiene da 17 anni a New York (CAMW) e nel 2006 ha fondato l'Accademia Internazionale Italiana di Mandolino e Chitarra e l’Orchestra dell’Accademia.

Come ricercatore ha collaborato con il New Grove Dictionary of Music and Musicians ed ha curato edizioni musicali per la casa editrice Bèrben. Ha tenuto conferenze sull'iconografia dello strumento in importanti istituzioni quali la Boston University ed il Museo Nazionale degli strumenti musicali di Roma.

LORENZO PICCONE

Suona la chitarra acustica / elettrica / slide, l'armonica e canta. Nel 2006 si iscrive al Festival Nazionale degli Interpreti e arriva in finale a Parco del Principe di Loano portando un pezzo inedito “My love is waiting”. Dal 2011 è chitarrista del mandolinista Carlo Aonzo. Nel 2013 partecipa con Aonzo ad un concorso per scrivere l'Inno del “M'illumino di meno” campagna energetica promossa dalla trasmissione Caterpillar di Rai Radio 2, arrivati in finale su concorso nazionale comprendente piu di 50 brani, arriva secondo col il “Mandol-inno” e il 2 giugno 2014 suona in diretta nello studio di Radio Due col quartetto di Aonzo. Maggio 2014 registra un EP “Turning Back” Blues/Soul che lo porterà nel 2015 in semifinale all'Italian Blues Challenge a Verona. Giugno 2014 esegue un tour negli Stati Uniti con Carlo Aonzo, suonando in Georgia, North Carolina, Tennessee.

Maggio 2015 in Radio Capital per concorso “Capitalent” con il suo gruppo Southern Cross tributo a Crosby Stills Nash & Young. In Autunno 2015 suona in Texas, Georgia e a dicembre esegue 6 concerti con il suo trio The Blue Grasshoppers Band a New York. Nel 2016 con il Carlo Aonzo Trio incide il cd “A Mandolin Journey”. Propone pezzi propri con il suo trio “Something!” insieme a Francesco Bellia al Basso e Giorgio Bellia alla Batteria.

LUCIANO PUPPO

Inizia la sua esperienza musicale come bassista elettrico, suonando negli anni '70 in formazioni di musica pop. Negli anni ’90 intraprende lo studio del contrabbasso. Da allora e per molti anni, cresce la sua passione per il jazz. Si forma ai corsi tenuti da noti musicisti italiani, tra cui Riccardo Zegna e Piero Leveratto. Partecipa a seminari di perfezionamento tenuti da artisti di fama internazionale, quali Ron Carter, Mal Waldron, Tony Castellano, Bob Mover. Entra a far parte di numerose formazioni jazz, tra cui, nel 1997, la “Unit Line Orchestra” di Riccardo Zegna. Negli anni successivi collabora con numerose formazioni liguri di blues e gypsy jazz. Dal 2014 entra a far parte del Carlo Aonzo Trio. 

 IL TRIO

La formazione è nata nel 2014. Nel 2016 ha pubblicato il cd “A Mandolin Journey, portandolo in concerto in numerose città italiane quali: Torino, Firenze, Venezia, Modena, Stresa, Foggia, Sarzana, Genova, Savona, Sanremo, Ventimiglia e molte altre località italiane, oltrechè in alcune città della Germania, Svezia e Svizzera. Negli ultimi tre anni il trio è stato in tournée negli USA, suonando in città quali: Washington, Chicago, NYC, Philadelpia, Reno, Baltimore, Hampton, Montclair, Asheville, Nashville, Knoxville, Bethlehem, Milwaukee, Pittsburgh, Saratoga Springs, Akron, Durham, Portsmouth, Epsom, Sun Valley...

Nel Luglio 2017 il trio ha partecipato alla 54a edizione del Festival Internazionale di Musica di Cervo (IM): Il disco “A Mandolin Journey” è stato presentato a Radio1 Music Club (John Vignola), Isoradio (E' la Rai, bellezza!), a Radio Colonia (D) e in numerose radio degli Stati Uniti. Il Carlo Aonzo Trio ha partecipato ad alcune trasmissioni radiofoniche e televisive in diretta, tra cui La Stanza della Musica” (RAI Radio3), “Caterpillar” (RAI Radio2), Tg3 Liguria (Rai3), WUWM Milwaukee Public Radio (Wisconsin), WYPR Radio Baltimore MD, CBS Pittsburgh Today Live PA. Per la primavera del 2019 è prevista l'uscita del secondo lavoro discografico, “Mandolitaly”.

(mp)

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

Leggi altri articoli della rubrica "Musica"