22 Settembre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Lunedì, 26 Agosto 2019 16:50

Sound Project: la band riminese ritorna a Trento con uno spettacolo imperdibile alla Fly Music Arena

Sound Project: la band riminese ritorna a Trento con uno spettacolo imperdibile alla Fly Music Arena
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Stefano Leto


I Sound Project sono una cover band che, ormai da anni, porta la musica dei Pink Floyd in giro per l'Italia incantando gli spettatori con la ricerca dei dettagli e per la fedeltà delle esecuzioni musicali.

La band è originaria di Rimini ma è riuscita a farsi conoscere (ed apprezzare) in tutta Italia grazie alla ricerca maniacale dei dettagli scenografici e alla ricerca di un suono davvero molto curato. I loro concerti sono una viaggio nel tempo al ritmo di una musica (quella dei Pink Floyd) che accompagna molte generazioni di persone da molti anni. La riprova è data dal fatto che i loro concerto sono sempre "sold out" come in occasione delle loro ultime recenti e apprezzate esibizioni a Trento. (leggi l'articolo)

La band torna finalmente a Trento il 14 settembre prossimo per l'ultima tappa del Summer Tour 2019, riproponendo lo spettacolare show di suoni, luci e proiezioni alla Fly Music Arena di Besenello (località Acquaviva), il nuovo spazio creato per ospitare eventi musicali e culturali di alto livello, dotato delle più innovative tecnologie multimediali.

Il concerto sarà anticipato (il giorno prima, venerdi 13 settembre) da una straordinara "lezione di rock" tenuta da Ernesto Assante e Gino Castaldo, due giornalisti e critici musicali di Repubblica, profondi conoscitori della musica degli ultimi quattro decenni. Assante e Castaldo "racconteranno" ai presenti in sala uno dei dischi più belli dei Pink Floyd: The Dark Side of the Moon, anche con uno straordinario ascolto in quadrifonia del disco che, siamo certi, rappresenterà un'esperienza indimenticabile per chi vi assisterà. Chi lo vorrà potrà inoltre usufruire di un servizio particolarmente accattivante che consiste nella possibilità di cenare ai piedi del palco e di rimanere comodamente seduti durante l'ascolto in quadrifonia del disco, sorseggiando il proprio drink. 

Tornando all'esibizione dei Sound Project, la continua ricerca storiografica, unita allo studio approfondito delle sonorità floydiane, ha permesso alla band di perfezionare il repertorio proposto rendendolo sempre più fedele a quello originale della mitica band inglese, con brani tratti dai primi anni della psichedelia  in quello che è definito "il periodo Syd Barrett", fino al periodo post Roger Waters.

Come scritto, una cura particolare viene riservata alla ricerca fedele dei suoni (eseguiti tutti dal vivo e senza basi pre-registrate), qualità fondamentale per la riproduzione delle atmosfere magiche che avvolgevano i concerti dei Pink Floyd.

La chitarra solista è affidata a Luca Pesaresi, mentre  Massimo Marzaloni si occupa della parte effettistica, che contribuisce, insieme alle tastiere, i sintetizzatori e l’hammond di Claudia Ciuffoli, all’evocazione delle atmosfere inconfondibili dei Pink Floyd. La ritmica è curata da Marco Calabrese alla batteria, da Andrea Rossi al basso e da Luca Marzaloni che, oltre alle percussioni, si dedica anche al sax e ai sintetizzatori.

Leonardo Bollini è l’interprete della voce solista mentre i cori sono eseguiti magistralmente dal trio Sophie Rossini, Gloria Trotta e Margot Trotta.

La regia audio della band è affidata all’esperienza di Stefano Corrias, produttore e sound engineer, che vanta collaborazioni con artisti nazionali e internazionali. Light e laser show sono invece curati da Nicola Notari e Andrea Vesnaver.

La grande novità proposta all’interno della Fly Music Arena è la possibilità di prenotare la cena servita al tavolo prima dello spettacolo (così come per l'incontro del giorno prima), consentendo così, a chi prenota in anticipo, una postazione privilegiata con vista palco dalla quale si può godere la serata continuando a sorseggiare il proprio calice di vino o drink.

La band riprenderà il tour in ottobre con un concerto al Teatro Comunale di Bolzano (leggi l'articolo) con uno show completamente reinventato e studiato espressamente per i teatri con l'immancabile schermo circolare sullo sfondo, autentica icona floydiana. Il tutto condito da una ancora più maniacale ricerca delle sonorità e dei dettagli scenici.

 

Stefano Leto 

 

 

Link e Info utili 

 

Per maggiori informazioni sull'evento e sul concerto: ‎+39 370 353 1173

 

Sito Web Sound Project

Pagina Facebook Sound Project

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

 

 

Leggi altri articoli della rubrica "Musica"