12 Novembre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Martedì, 22 Ottobre 2019 10:04

In uscita l'8 Novembre "Sottomondi" il nuovo disco de "il Parto delle Nuvole Pesanti"

In uscita l'8 Novembre "Sottomondi" il nuovo disco de "il Parto delle Nuvole Pesanti"
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


In uscita l’8 novembre Sottomondi, nuovo disco de il Parto delle Nuvole Pesanti con WMusic/iCompany. Il nuovo album racconta un’umanità caleidoscopica e senza voce, fatta di bambini, donne, immigrati ed emarginati, attraverso canzoni e musiche che servono per vivere, resistere e, a volte, cambiare.

Anticipato dall’uscita del singolo Niente Ninna per l’uomo Ne’, accompagnato dal videoclip di Giuseppe Bilotti, con Sottomondi, la band calabro/bolognese, grazie anche alla supervisione artistica e gli arrangiamenti di Tony Canto, cambia direzione e stile, rompe la gabbia della canzone dando spazio a follie e sogni lisergici, ironici e surreali, stimolando il piacere dell’ascolto e la voglia di agitare il corpo. 
 
Il Parto delle Nuvole Pesanti ha finora realizzato 12 album, fondendo stili e linguaggi differenti, dall'etno-rock mediterraneo degli esordi, passando per la canzone d'autore, fino alla world music, avvalendosi della collaborazione di artisti come Claudio Lolli, Roy Paci, Teresa
De Sio, Fabrizio Moro e di scrittori come Carlo Lucarelli e Carmine Abate (premio Campiello).
 
Il suo live, portato su palchi importanti (Primo Maggio di Piazza S. Giovannni Roma, Premio Tenco) – e in giro per il mondo (New York, Fortaleza, Bagdad, Londra, Berlino, Praga, Budapest) è un crocevia di suoni e liriche, ironia e allegria, miscelati a momenti teatrali e
circensi.
 
Il Parto ha riscosso uno straordinario successo con il brano Onda Calabra, colonna sonora di Qualunquemente, film con Antonio Albanese, ottenendo la partecipazione al Festival del Cinema di Berlino e la nomination come migliore canzone al David di Donatello e le congratulazioni del Presidente della Repubblica. Il brano L’imperatore è stato considerato tra i mille brani più rappresentativi della storia della canzone italiana (Antologia della Canzone Italiana 1861-2011, Mondadori) e la canzone Giorgio ha avuto la nomination al Premio
Amnesty International.
 

La band si è cimentata anche nel teatro con Roccu u Stortu, spettacolo sulla prima guerra mondiale e Slum che racconta le periferie delle grandi città africane in viaggio verso la speranza occidentale. Non è mancato il cinema con Doichlanda, squarcio sugli immigrati calabresi in Germania e premio della critica al Festival di Torino, I colori dell’abbandono, che affronta il tema dei paesi abbandonati e Aléteia, che racconta la bellezza dei luoghi attraverso una magica storia d’amore.

Di grande importanza sono anche i progetti culturali della band che ne testimoniano il suo forte impegno sociale e civile, come La valigia d’identità e Terre di Musica - Viaggio tra i beni confiscati alla mafia, realizzato con la collaborazione di Libera e a cui il Tg2 ha dedicato un ampio servizio mentre Rai3 lo ha ospitato in diretta tv al Concerto del Primo Maggio di Roma.

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

 

 
 
Leggi altri articoli della rubrica "Musica"