17 Dicembre 2018
Magazine di Musica e Spettacolo
Venerdì, 07 Dicembre 2018 07:24

Nick Mason: “non potrei suonare Comfortably Numb meglio di David o Roger”

Nick Mason: “non potrei suonare Comfortably Numb meglio di David o Roger”
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Nick Mason, all'anagrafe Nicholas Berkeley Mason nato a Birmingham il 27 gennaio del 1944, è famoso in tutto il mondo per la sua militanza nei Pink Floyd sin dagli albori con Syd Barrett e per la sua grande passione per le macchine da corsa.

Recentemente il batterista dei Floyd è tornato “on the roadcon i suoi Nick Mason’s Saucerful of Secrets, un super gruppo composto da Gary Kemp (chitarrista degli Spandau Ballet), Guy Pratt (bassista dal vivo di Pink Floyd e David Gilmour), il chitarrista Lee Harris ed il tastierista Dom Beken.

L'obiettivo della band è quello di riportare in giro per il mondo il sound dei primi Floyd, una scelta in contrasto con album e brani più noti sempre presenti nelle scalette dei tour di David Gilmour o Roger Waters.

Il batterista ha infatti dichiarato “so che non potrei suonare Comfortably Numb meglio di David o Roger, o anche degli Australian Pink Floyd Show. È diventata una questione di trovare qualcos'altro che ci impegnasse”.

 

Mason è stato poi intervistato da Rolling Stone che gli ha chiesto:

 

Hai suonato molte di queste canzoni durante i tuoi vent'anni. Hai dovuto rimpararle nuovamente alcune di queste per suonarle ancora 50 anni dopo?

“Ho dovuto imparare alcuni dettagli. Le canzoni tendono a rimanere impresse nella tua memoria a lungo, ma poi cominci a ripensare a come tutto si mette assieme. La cosa bella è, quando le suoniamo davanti al pubblico, per me è come una macchina del tempo. All'improvviso, quella sensazione di guardarti attorno e vedere gli amici che ti incoraggiano, mi ha ricordato i Pink Floyd del '67.”

 

Hai fatto una battuta sull'andare fuori e suonare solo le parti di batteria “The Dark Side of the Moon”. L'idea di fare un tour era uno scherzo per te. Che cosa è cambiato?

“È davvero strano (ha dichiarato ridendo). Questo è qualcosa sul quale avevo sicuramente pensato, ma ho sempre scartato. È piuttosto retrò in un certo senso. Questo non è Nick Mason determinato a fare qualcosa. Questo è Nick Mason che viene coinvolto in qualcosa dagli amici. Lee Harris ha scritto a Guy una cosa del tipo 'possiamo far fare qualcosa a Nick?' e io credo che Guy abbia pensato fosse una buona idea. Mi sono sentito molto a mio agio nel provare qualcosa”.

 

Dopo “Dark Side” hai sempre suonato in grandi arene o stadi. Questa è la tua prima volta in posti così piccoli sin da allora.

“Gli stadi sono molto difettosi per quanto riguarda la capacità di coinvolgere tutto il pubblico, ma in un teatro puoi farlo. Sembra un'occasione e l'occasione riguarda interamente la musica che stai suonando sul palco. Il problema con uno stadio è che hai circa 50.000 fan e molte altre persone che si drogano e giocano a frisbee dietro le quinte”.

 

Link:

Leggi qui l'originale

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

Leggi altri articoli della rubrica "Oggi in primo piano"


Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna