13 Dicembre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Sabato, 02 Settembre 2017 11:44

Recensione di "Stop" dei Pooh

Recensione di "Stop" dei Pooh
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Capivo di essere arrivato al mare quando nella macchina giungeva odore di fritto e limone, quello che impesta i sottopassi che portano agli stabilimenti balneari, attraversati sempre di corsa per non sentire il treno che passava sferragliando sopra alla testa.

Anche casa nostra aveva un sapore particolare, di crema Nivea, di shampoo al pino, di canotti mal ripuliti dalla salsedine e dal catrame dell'anno prima, mentre il rumore degli zoccoli in legno sui pianerottoli risvegliava il condominio dal lungo silenzio invernale.

Subito si correva in spiaggia, a fare la conta degli amici gia arrivati e a guardare i nuovi dischi del Juke Box, quelli che ti avrebbero accompagnato per tutta l'estate tra una partita a flipper e una a ping pong, con la carta unta della focaccia in una mano e la gazzosa con la cannuccia nell'altra.

I cantanti erano sempre gli stessi, Gianni BellaPupoUmberto Tozzi, raramente qualche Santana in permesso premio e poi c'erano loro: gli inossidabili Pooh.

Era l'anno di Canterò Per Te, e quell'estate cantarono così a lungo che qualcuno,piu grandicello,quel disco alla fine se lo comprò per davvero.

Tornai così dalle vacanze con Stop inciso sopra una Scotch Dynarange che di li a poco si sarebbe incastrata nelle viscere di qualche radio registratore, ma a 14 anni riesci davvero ad apprezzare tutta la musica,anche quella dei Pooh, perchè la vita in fondo ti sta ancora portando per mano.

Imparerai presto a scegliere e ad odiare. L'estate è finita. Ascoltatelo.

Stop.


Tracce

Caro me stesso mio (Facchinetti-Negrini)
Stagione di vento (Facchinetti-Negrini)
Numero Uno (Facchinetti-D'Orazio)
Vienna (Battaglia-Negrini)
Ali per guardare, occhi per volare (Facchinetti-Negrini)

Canterò per te (Battaglia-Negrini)
Aria di mezzanotte (Facchinetti-Canzian-D'Orazio)
Quasi città (Facchinetti-Negrini)
Gatto di strada (Canzian-Negrini)
Inca (Facchinetti-Negrini)

Formazione

Roby Facchinetti - voce, pianoforte, tastiera
Dodi Battaglia - voce, chitarra
Stefano D'Orazio - voce, batteria, percussioni, flauto traverso
Red Canzian - voce, basso, violoncello

(fonte link)

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

 

 

Leggi altri articoli della rubrica "Recensioni e Interviste"