18 Ottobre 2018
Magazine di Musica e Spettacolo
Venerdì, 29 Dicembre 2017 15:08

AdHoc: un'emozione sempre unica

AdHoc: un'emozione sempre unica
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Prendete il rock classico con band come Led Zeppelin, Toto oppure U2 e mischiatelo con il pop raffinato di Adele, Alanis Morrissette o anche Anouk per poi aggiungere un pizzico di musica italiana, cosa viene fuori? Semplice, i padovani AdHoc!

La band nasce dall'ispirazione, ma soprattutto dalla fida sei corde, del chitarrista Giovanni Parise che raduna attorno a sé quattro musicisti che definire bravi, competenti e preparati è solo un riduttivo!

Angelica Pesce è l'energica cantante, Marco Boscolo detto “Bielo” è l'altra chitarra spara riff, Alberto Bernabei è invece il tessitore delle linee di basso mentre Damiano Magrin è il batterista che sorregge il cantato e le altre sonorità senza mai perdere un colpo.

Nonostante si tratti di una cover band gli AdHoc comunque non si limitano ad eseguire brani famosi e basta, ma preferiscono aggiungere ogni volta quel pizzico di originalità che non guasta mai e rende ogni canzone memorabile.

Come accennato in precedenza il loro repertorio contiene le intramontabili hits di band quali Guns N' Roses, U2, Muse, Toto, Led Zeppelin, Black Crowes, Van Halen alle quali si aggiungono anche nomi italiani come Vasco Rossi, Ligabue e Zucchero per accontentare tutti i gusti.

Non vanno poi dimenticate le atmosfere più soft con le canzoni delle cantautrici canadesi Alannah Myles ed Alanis Morrisette e le tante altre canzoni che vi faranno cantare e ballare tutta la notte!

 

Gli AdHoc sono sulla Guida Live Music alla voce “Cover Band”

 

Link:

Facebook

YouTube

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

Leggi altri articoli della rubrica "Recensioni e Interviste"

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna