14 Dicembre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Lunedì, 15 Gennaio 2018 14:14

Les Babettes, giovane trio triestino con lo swing in poppa

Les Babettes, giovane trio triestino con lo swing in poppa
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore


Les Babettes sono un trio musicale swing che si ispira maggiormente agli anni 30 e 40. Il gruppo è formato da: Eleonora Lana, Chiara Gelmini e Anna De Giovanni, tre ragazze triestine che si definiscono frizzanti e autoironiche.

La prima cosa che salta all'occhio dopo le loro meravigliose acconciature e i loro bellissimi vestiti durante i concerti è il loro nome, che è un omaggio alla loro città (Trieste): le ... "babe" (diminutivo "babette") sono infatti nel dialetto cittadino le ragazze. "Babare" è anche un verbo che significa chiacchierare e spettegolare, ed in modo ironico si sono ispirate a nomi di alcuni trii del passato che hanno dato al loro nome il tocco francese.

Dal 2013 sono fortemente presenti con concerti, partecipazione a festival e convegni in tutta Italia e perfino all'estero (Slovenia, Svizzera e Spagna).

Il nostro giornale le ha contattate ed ha avuto il piacere di porgere loro alcune domande.

 

Come si definirebbero Les Babettes?

«Les Babettes sono un trio vocale swing femminile, frizzante e autoironico, infatti abbiamo incluso l’autoironia anche nel nome. Le “babe” in triestino vuol dire le ragazze che spettegolano e quindi abbiamo usato questo nome un po' francesizzato che in realtà è una presa in giro di noi stesse, in quanto ci piace stare davanti ad una tazza di tè, parlare e spettegolare.Siamo divertite, perché è qualcosa che ci fa stare bene e ci diverte ed è anche il motivo per cui piacciamo al pubblico.Siamo Caparbie, perché il mondo della musica, e questo genere in particolare non è sempre facile. Sono tanti anni che cantiamo insieme e facciamo spettacoli insieme e non ci sono stati momenti sempre facili e quindi una buona dose di tenacia ci vuole e quella ce l’abbiamo.» -Anna

 

Come si definirebbe il vostro genere? E a chi vi ispirate?

«Il nostro genere è prevalentemente swing e si ispira ai famosi trii del passato degli anni ’30 e ’40 dalle Andrew Sisters al trio Lescano e tantissimi gruppi vocali seguiti.» -Chiara

 

Come è nato il vostro trio?

«Il trio è nato da una mia folgorazione (Eleonora) a un concerto a Bologna delle Puppini Sisters. Queste tre fanciulle, di cui una italiana trasferita in Inghilterre, mentre le altre due sono inglesi, portavano sulla scena, appunto, musica swing e oltre a cantare facevano della scena, c’erano dei balletti e dei costumi, ed è un tipo di spettacolo che mi ha preso in tutti i sensi, coinvolgendomi molto. Io ascoltavo già musica un po' vecchiotta e vedendo un trio di donne sul palco ho detto: “Cavoli! Voglio anch’io” e quindi ho trovato la nostra versione italiana e triestina. Naturalmente dopo contattando le altre due ragazze si sono fuse tre menti e la mia idea iniziale si è arricchita di ulteriori idee e suggerimenti. Inizialmente ho contattato Chiara che conoscevo da una vita e poi Anna che era dirimpettaia di Chiara, ormai 4-5 anni fa.» -Eleonora

 

Quando cantate qual è il messaggio che volete lasciare al vostro pubblico?

«Messaggio è un termine che non ci si addice molto. Quello che noi lasciamo al pubblico è soprattutto un’atmosfera, un’evocazione di un’epoca. In realtà si tratta di tenere viva una tradizione che altrimenti morirebbe, perché ovviamente lo swing non è un genere che va per la maggiore, rimarrà comunque un genere di nicchia. L’obbiettivo è far sognare le persone che ci guardano, offrendo loro uno spettacolo a tutto tondo che li faccia immergere in un’epoca in cui spesso gli arrangiamenti erano molto complessi e molto interessanti, mentre magari i testi non sono così impegnati come uno potrebbe aspettarsi. Qui la musica è spesso complessa e i testi sono molto leggeri e spensierati.» -Anna

 

Chi vi ha sostenute maggiormente in questo vostro inizio avventura?

«Sicuramente noi tre l’un l’altra, ormai sono già 5 anni che proviamo e in base ai periodi c’è sempre chi è più focalizzata e che riesce a prendere in mano la situazione. Gabriele Centis e la sala della musica ci ha sostenuto con la loro esperienza e ci ha aiutato ad organizzare i nostri primi concerti. Poi soprattutto le nostre famiglie tra microfoni dimenticati, merende e vestiti da cucire all’ultimo. Sicuramente anche i musicisti che all’inizio hanno aiutato a creare il tutto, in particolar modo Tiziano Bole nostro amico storico che conosciamo da tanti anni, che ha uno studio di registrazione e ci ha aiutato a registrare e ci ha scritto anche alcune canzoni che sono ancora nel cassetto. Inoltre ci ha sostenuto tantissimo la cittadinanza di Trieste sia durante i concerti che quando eravamo in tv a X Factor. Infine anche il gruppo musicale “Alti e bassi” di Milano, che hanno pensato di proporci per X Factor.» -Eleonora

 

Quali sono i vostri progetti futuri?

«Il progetto con la Big Band è un progetto in corso nato qualche mese fa con una grande organizzazione, simo molto grandi, 26 in tutto, non facilmente ospitabili, ma ne vale assolutamente la pena. Un progetto presente e futuro, ci concentriamo e ne siamo entusiaste. Il 2 agosto, invece, saremo a Pergine Valsugana e suoneremo in occasione del “Trentino in Jazz Festival” nel Valsugana tour 2018. Abbiamo in programma anche altre date però ancora da definire.» -Eleonora

 

Marko Stefanovic - Onda Musicale

 

 

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

Leggi altri articoli della rubrica "Recensioni e Interviste"