6 Dicembre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Lunedì, 22 Gennaio 2018 09:57

Elisa "Erin" Bonomo si racconta a Onda Musicale dopo il concerto di Trieste

Elisa "Erin" Bonomo si racconta a Onda Musicale dopo il concerto di Trieste
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore


Elisa "Erin" Bonomo, cantautrice di Alternative Rock con il 2018 fa partire il suo tour partendo il 6 gennaio da Cittadella, passando a Trieste il 12 gennaio dove è stata intervistata dal nostro giornale. 

Elisa si presenta come cantautrice e chitarrista di origine veneziana. Comincia a comporre a 12 anni prevalentemente in lingua inglese passando all'italiano all'età di 20 anni. Il suo primo EP, autoprodotto e in lingua inglese, si chiama “Once in a blue moon” (2007).

Negli anni successivi si trasferisce a Padova, collaborando come speaker e autrice per una web-radio universitaria, RadioBue, scrivendo uno spettacolo teatrale assieme all’attrice Grazia Raimondo, “BlackOut!”, incentrato sul tema del precariato e dell’immigrazione, e pubblicando un demo autoprodotto con lo stesso nome, “BlackOut!” (2009).

Chitarra elettrica, looper, harmonizer, tastiera e voce, si esibisce a Suoni di Marca 2016 aprendo il palco a Daniele Silvestri e successivamente viene inserita nella compilation delle Indiemood Sessions in esclusiva su Rockol con i Mellow Mood, Alessandro Grazian, IACAMPO, C+C=Maxigross.

 

Come ti definiresti?

«Mi definisco duale, nel senso che in tutte le cose che faccio, dalla musica alla vita che conduco, sono debole, ma allo stesso tempo forte, sono ricca e allo stesso tempo povera, sono vuota e sono piena e credo che sia la mia forza e la mia debolezza, ma debolezza con l’eccezione positiva perché dalla vulnerabilità riesco sempre a tirare fuori il lato migliore che ho. Non ho mai una definizione unica.»

Qual è il tuo genere e a che gruppo o musicisti ti ispiri?

«In questo momento sto facendo Alternative Rock, però ho sempre molta difficoltà a farmi delle etichette. Diciamo che questo è il mio genere di riferimento, però sono sempre molto aperta a tutti i generi musicali.»

Come hai cominciato a cantare?

«Ho cominciato a cantare da molto, molto piccola quando mio papà metteva i vinili o le musicassette, grossomodo anni ’80, e io mi divertivo a trovare delle linee melodiche su delle canzoni già composte. Era una cosa che mi divertiva molto e che mi sembrava molto facile creando un mondo che era solamente mio in cui mi divertivo moltissimo.»

Com’è andato il concerto di questa sera al MAST?

«Spero bene, perché a me è piaciuto tantissimo. Ho visto molta partecipazione e molta affluenza. Devo dire che tornare qui e sempre molto emozionante perché Trieste mi accoglie veramente come una figlia e come una seconda casa. E’ stato molto bello sentire battere le mani sulle mie canzoni. Tendo spesso a non guardare le persone perché mi emoziono, ma quello che ho sentito emotivamente è stato veramente molto bello e molto forte.»

Come sta procedendo il tuo tour?

«Il tour sta procedendo molto bene, passo dopo passo vedo che le date stanno cominciando ad arrivare. Sono autoprodotta quindi è un cammino abbastanza tortuoso, ma molto appagante, molto ricco e molto formativo. Dopo il tour il mio progetto è di scrivere il mio prossimo album. Anzi, in realtà è già scritto e bisogna solo mettersi sotto e cominciare a creare le basi la preproduzione e a capire dove voglio arrivare per il prossimo album, quindi il mio progetto è fare musica, scriverla, produrla per altri, ascoltarla e quindi vivere di questa.»

 

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

Marko Stefanovic - Onda Musicale

Leggi altri articoli della rubrica "Recensioni e Interviste"