26 Febbraio 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Mercoledì, 12 Marzo 2014 10:10

Intervista a Francesco Camin vincitore del premio Lunezia 2013

Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Stefano Leto


Nuovo mese, nuovo artista. Continuiamo la nostra rubrica sulle band trentine dando spazio ad un chitarrista cantautore che risponde al nome di Francesco Camin. Classe 1988, Trentino d.o.c.

Per chi non lo conosce, chi è Francesco Camin?

Francesco Camin è nato circa 25 anni fa in quel di Trento e da sei anni si è spostato a Vigolo Vattaro, ha iniziato ad approcciarsi con la musica ad otto anni, e come tutti ha passato l'adolescenza a suonare con amici in svariate band della scena trentina. Musicalmente esisto da 2-3 anni sulla scena solista.

Come è iniziato il tuo progetto solista?

Nel 2011 mi sono diplomato al CET (Centro Europeo Toscolano) la scuola di musica leggera fondata da Giulio Rapetti Mogol.

Dopo aver frequentato il Corso Compositori sotto la guida di Giuseppe Barbera, Giuseppe Anastasi e Alfredo Rapetti Cheope mi si è aperto un nuovo mondo, pieno di ispirazione e nuove idee.

E' stata un'esperienza molto formativa dal punto di vista tecnico ma allo stesso tempo molto importante dal punto di vista umano, ho imparato un sacco di cose e conosciuto tantissimi musicisti. Da li è semplicemente nato il bisogno di avere un progetto tutto mio.

Quali sono le tue influenze musicali?

E' sempre la solita risposta, che ascolto un po' tutto, in realtà non è vero! Ascolto anche cose molto lontane da me, ad esempio mi piacciono da matti i Sigur ròs, gruppo Islandese che fa musica Ambient, si sono inventati una lingua apposta per le loro canzoni..devi ascoltarli! Poi ascolto molto i Coldplay, sono cresciuto con Guccini, De Andrè, i Pink Floyd, i Dire Straits fino ad arrivare agli artisti dei giorni nostri. Sono un grande fan di Niccolò Fabi, ascolto molto anche Jovanotti, faccio sempre attenzione soprattutto ai testi per cercare ispirazione e modi di scrittura diversi. Tante volte anche due secondi di canzone ti danno lo spunto per un pezzo tuo, fanno accendere la lampadina.

Due anni pieni di traguardi, dico bene?

Si, soprattutto il 2013. Per me è stato un anno veramente fantastico dal punto di vista musicale: nel mese di Febbraio c'è stata la vittoria del Rocknet Live Award, ero li da solo ed ho vinto il primo premio della giuria ed il quarto premio del pubblico. In totale, sommando le due classifiche, sono arrivato terzo nella competizione. Valutando che sono arrivato in un posto dove non mi conosceva nessuno e non conoscevo nessuno è andata benissimo. Ad inizio estate c'è stata la partecipazione al concorso UploadSounds, dove sono stato l'unico solista ad arrivare in finale. Anche se non ho vinto è stato un ottimo risultato per me. A Giugno ho occupato il secondo gradino del podio del CentroMusicaAwards, festival della città di Trento, esibendomi in Piazza Fiera durante le Feste Vigiliane in apertura al concerto di Enrico Ruggeri.

Ma del 2013 il mese magico è stato Luglio. A metà mese è arrivata la sorpresa più bella, ho vinto il premio Lunezia 2013 'Nuove Proposte' a Marina di Carrara in Toscana. Il premio Lunezia è uno dei maggiori premi riconosciuti in tutto il panorama musicale Italiano, non è molto conosciuto dal pubblico perchè non gode di popolarità mediatica. Questo festival è il premio al valore musicale letterario della musica, danno particolare attenzione ai testi, e per me è stato veramente fighissimo!

La canzone che ho portato (Vorrei Vivere Sopra Gli Alberi) è piaciuta a tutti, ho passato le selezioni a Roma, poi sono arrivato in Toscana e li ho suonato davanti a 5000 persone, ho vinto il primo premio Nuove Proposte e mi hanno fatto un sacco di complimenti. Dietro le quinte poi, mentre ci si preparava, vedevi passare big come Alex Britti, Negramaro, Malika Ayane e tantissimi altri, un' esperienza che mi ha lasciato un segno indelebile.

In dicembre, infine, è arrivata la partecipazione alle selezioni del 64° Festival di Sanremo, è andata bene perchè tra più di 600 iscritti sono stato selezionato tra i 60 chiamati a Roma ad esibirsi. Anche li mi sono confrontato con ottimi artisti e un sacco di persone che erano in giuria e che di musica ne sanno veramente tanto.

Se invece ti chiedo qual'è la canzone che più rappresenta Francesco Canin?

Per la mia esperienza fino ad adesso rispondo con il mio inedito Vorrei Vivere Sopra Gli Alberi. E' il pezzo che mi ha fatto vincere il premio Lunezia 2013 giovani proposte e per me significa veramente molto. E poi è un concentrato di tutto quello che mi piace fare, musica leggera che trasporta molto ma che, allo stesso tempo, mi fa trasmettere al pubblico tutto quello che ho da dire.

Sospesi, il nuovo singolo.

Vorrei Vivere Sopra Gli Alberi era il mio primo singolo, il 20 Marzo 2014 uscirà il mio nuovo singolo, Sospesi, disponibile su tutti gli Store digitali (iTunes, Spotify etc..) e visualizzabile su YouTube con il nuovo video.

Non perdetevelo! E poi..... vi aspetto a tutti i miei concerti. Ciao!

Prossimi concerti:

15 Marzo - Angolo dei 33 alle ore 21:00 (Trento, TN)  

4   Aprile - Le Bollicine alle ore 21:30 (Trento, TN)

10 Aprile - Centro Vintola 18 alle ore 21:00 (Bolzano, BZ)

 

Contatti & Co.

Sito web: http://www.francescocamin.com

Facebook: https://www.facebook.com/francesco.camin

Twitter: https://twitter.com/francescocamin

Video YouTube "Vorrei vivere sopra gli alberi": http://www.youtube.com/watch?v=1GBu0GcckJ0

Link iTunes per acquisto "Vorrei vivere sopra gli alberi": https://itunes.apple.com/it/album/vorrei-vivere-sopra-gli-alberi/id794979615

 

Stefano Leto

 

 

 

Leggi altri articoli della rubrica "Recensioni e Interviste"