7 Dicembre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Venerdì, 10 Marzo 2017 12:36

Peter Mark: one man band e psichedelia

Peter Mark: one man band e psichedelia
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Di progetti one man band, e relativi cantautori, ce ne sono molti in giro. Questi sono ben visibili sia durante un'esibizione in strada oppure in un locale o in festival, ma anche Internet non è da sottovalutare. In questo fitto sottobosco si cela Peter Mark.

L'artista lombardo Peter Mark sembra infatti aver unito perfettamente il connubio tra one man band e psichedelia. Un po' come se Bob Dylan incontrasse i Soen oppure Tom Waits incontrasse i Sigur Rós. Che cosa ne verrebbe fuori? Probabilmente brani come quelli che stiamo per citarvi.

Sul suo profilo Soundcloud, il link è alla fine assieme all'apposita pagina Facebook, si possono trovare parecchi brani interessanti che uniscono passato, presente e futuro della musica.

"Lullaby for Stephan" è un capolavoro di delay e giri acustici mentre "Welcome Home Linda" è più tranquilla ed acustica anche se non mancano delle brevi parentesi eteree.

"I Wish I Could", invece, sembra un brano uscito fuori dalla monumentale discografia dei Pink Floyd così come gli assoli di "At DebraAnn's Mansion" che ricordano quelli della celebre band inglese.

 

Peter Mark è sulla Guida Live Music alla voce "One Man Band"

 

Link:

Facebook

Soundcloud

 

Leggi altri articoli della rubrica "Recensioni e Interviste"