15 Dicembre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Giovedì, 23 Novembre 2017 10:56

Scott Pilgrim vs. the World: “Hey, conosci Pac – Man? Non di persona”

Scott Pilgrim vs. the World: “Hey, conosci Pac – Man? Non di persona”
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore


"Non molto tempo fa, nella misteriosa città di Toronto, in Canada, Scott Pilgrim si era messo con una liceale” questesono le parole iniziali del film di cui vi parlerò oggi. Una moderna, ed epica, epopea per conquistare una ragazza tra battaglie di band, videogiochi in 8 bit, sarcasmo tagliente e soprattutto sette malvagi ex.

Ma andiamo con ordine. Il film, Scott Pilgrim vs. the World, risale al 2010 e vede alla regia il giovane britannico Edgar Wright famoso per la Trilogia del Cornetto” (leggi qui l'articolo su“L'alba dei morti dementi”) alle prese con la trasposizione cinematografica del fumetto di Bryan Lee O'Malley.

Wright ci introduce dunque nel favoloso universo di Scott Pilgrim (Michael Cera che qui suona anche il basso e la chitarra) popolato da curiosi personaggi e costellato di stravaganti situazioni al limite dell'irreale e dell'onirico.

Scott è un patito dei videogiochi, non mancano infatti riferimenti al mondo 8 bit con “vite” e “barre di energie”, suona il basso in un gruppo indie rock con gli amici, i Sex Bob – Omb, ancora col cuore infranto dalla sua storica ex che ora è in un gruppo famoso (The Clash at Demonhead) e, come accennato all'inizio, si è messo con la liceale cinese Knives (Ellen Wong) che sembra perdutamente innamorata di lui.

A criticarlo sono, in particolar modo, l'invadente sorella Stacey (Anna Kendrick), l'onnipresente Julie Powers (Aubrey Plaza) e la sferzante Kim (Alison Pill), batterista della sua band ed anche sua ex ragazza del liceo.

Scott vive comunque abbastanza pigramente la sua vita condividendo il minuscolo appartamento con il pettegolo coinquilino Wallace (Kieran Culkin) che non manca mai di riportarlo brutalmente alla realtà.

Perso tra questi suoi mondi, la vita di Scott viene ribaltata bruscamente dall'arrivo dell'affascinante Ramona (Mary Elizabeth Winstead) direttamente da New York. Una ragazza misteriosa dai capelli colorati che ha “combattuto molte battaglie” e che fa collezione di cuori infranti visto che tutti i ragazzi le cadono ai piedi.

Scott se ne invaghisce subito e cerca di conquistarlaad una festa con scarsi risultati. Visto che Ramona fa consegne per Amazon decide di ordinare qualcosa online per avere così la scusa per poter attaccare bottone con lei ed uscirci assieme.

La cosa, miracolosamente, sembra funzionare e tra i due si instaura un legame speciale, ma il giovane Scott non ha tenuto conto di alcuni fattori, in primis il fatto di dover rompere con Knives anche se sarà una cosa difficile.

Inoltre per Ramona sta trascurando le prove con il gruppo nonostante sia in corso una battaglia tra band, la sua ex Natalie (Brie Larson) è tornata in città per un concerto con la sua band e, soprattutto, sembra che ci siano ben sette malvagi ex sulle tracce di Scott che lo vogliono morto. Che fare quindi? Scappare o combattere?

Ovviamente sceglie la seconda e quindi afferrate i pop corn ed una Coca Zero, Scott beve solo quella praticamente, e godetevi questo coloratissimo e folle film pieno di sferzante sarcasmo, situazioni oniriche e tante mazzate contro i sette malvagi ex di Ramona che sono uno più folle dell'altro. Per fare un esempio, tra questi c'è un pirata indiano con poteri mistici ed un bassista vegano per cui, in quanto tale, ha i super poteri vegani!

Detto questo diamo un'occhiata alla fantastica colonna sonora del film! Spiccano molti brani indie come quelli di Beck (entrambe le versioni di Ramona” e in più collabora alla scrittura di altri brani), dei Broken Social Scene (“Anthems for a Seventeen Year Old Girl”oltre che ad apparirecome i Crash and the Boys), Blood Red Shoes (“It's Getting Boring by the Sea”) e così via.

Molto belle anche le canzoni dei Sex BobOmb, scritte dallo stesso Beck, come ad esempio la scanzonata “Garbage Truck”o la coinvolgente “Threshold”. PS qui i Clash at the Demonhead sono, in verità, i Metric.

Compaiono anche brani di artisti decisamente più classici come i Rolling Stones con la loro “Under My Thumb”ed i T. Rex di Marc Bolan con la sognante “Teenage Dream”. Detto questo voi sapete da dove deriva Pac - Man?

 

Vanni Versini – Onda Musicale

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

Leggi altri articoli della rubrica "Soundtracks"