12 Novembre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Mercoledì, 19 Giugno 2019 09:34

Rickenbacker 360: una chitarra "vintage" ma moderna

Rickenbacker 360: una chitarra "vintage" ma moderna
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Quando fece la sua comparsa la Rickenbacker 360 scosse non poco il sound degli anni ’60. La Rickenbacker con le sue forme stravaganti, la leggerezza data dal corpo cavo e i pick up brillanti fece innamorare molti chitarristi fino a finire nelle mani di Harrison e McGuinn nelle versioni a 12 corde.
Quella che viene testata nel video (LINK) è una delle chitarre che compone l’ampia collezione di strumenti vintage di Michele Quaini. Tra la pletora di Strat, Telly e Les Paul spunta una paletta dalle forme bizzarre, tondeggianti. È quella di una Rickenbacker 360 Fireglo del ’79, uno strumento che nonostante i quasi quarant’anni di età sembra sempre avanti. 
 
La 360 è una semiacustica realizzata con un body in acero, scavato in cui viene poi incollato il manico realizzato in tre pezzi di maple e walnut con una scala di 24 e3/4’’ e 24 tasti, il tutto reso più solido da un doppio trussrod. 
 
Le corde sono ancorate a uno splendido tailpiece cromato con la R bella in evidenza e vibrano sopra una coppia di single coil che regalano alla 360 un sound davvero speciale e riconoscibile. Il controllo dei due magneti è affidato a cinque manopole differenti. Due sono dedicate a tono e volume separati per i due pick up mentre la quinta è una sorta di preset-eq che agisce su entrambi e arricchisce ulteriormente la palette di colori a disposizione di questo strumento. 
 
Nonostante sembri una chitarra dalle dimensioni generose è leggera e bilanciata, merito della costruzione semi-hollow. Inoltre i bordi arrotondati su tutto lo strumento la rendono comoda e ancora più aggraziata. Il manico non è tra i più sottili, ma ripaga con una action tutto sommato bassa che fa quasi dimenticare l’età dello strumento. 
 
La sua voce la si può riconoscere tra mille. La coppia di magneti con un output per nulla generoso riescono a solleticare le valvole della Marshall facendo uscire dai coni qual sound sixties che con il giusto ammontare di riverbero diventa speciale
 
Questa non è una normale recensione, è più il racconto di uno degli strumenti che usiamo per i video nell’OUT Side Studio con Michele quindi lasciamo direttamente la parola a lui. Guarda una demo a questo LINK.
 
La 360 Fireglo non è certo lo strumento più versatile della storia, ma affascina con le sue forme e il suo timbro un po’ nasale. Ha stregato diversi chitarristi, pur non essendo mai la chitarra più desiderata del mondo. È speciale perché a distanza di mezzo secolo sembra sempre un passo avanti.
 
(fonte: www.accordo.it - LINK)
 
 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

 

 

Leggi altri articoli della rubrica "The Music Lab"