6 Giugno 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Giovedì, 13 Dicembre 2018 14:38

"Nuda e cruda" di e con Anna Mazzamauro sabato 15 dicembre a Brentonico

"Nuda e cruda" di e con Anna Mazzamauro sabato 15 dicembre a Brentonico
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Sabato 15 dicembre ore 21.00 a Brentonico presso il Teatro Monte Baldo, Anteprima fuori abbonamento della “Stagione di prosa, danza, cinema, musica 2018-2019”.

E20 Inscena - Produzione Stefano Mascagni in collaborazione con A.C.T.I. Teatri Indipendenti. NUDA E CRUDA Di e con Anna Mazzamauro. Musiche originali di Amedeo Minghi, regia di  Livio Galassi, Sasà Calabrese (pianoforte e chitarra), Andrea De Martino (violino).

Ingressi: intero Euro 10, ridotto Euro 8 (“Primi alla prima” o al botteghino del teatro la sera dello spettacolo).

"Nuda e cruda" ha ottenuto così tanti successi da potersi considerare un vero e proprio cavallo di battaglia per Anna Mazzamauro, che in questo spettacolo esorta il pubblico a spogliarsi dei ricordi cattivi, degli amori sbagliati, dei tabù del sesso, a liberarsi dalla paura della vecchiaia, ad esibire la propria diversità attraverso risate purificatrici.

Uno spettacolo sagace e liberatorio, insolente e mite, audace e timido, ridanciano e impegnato che trova nei vari dislivelli emotivi l’energia teatrale e coinvolgente per magnetizzare il pubblico e condurlo all’interno dello spettacolo e all’interno di sé stesso senza filtri inibitori, senza ombre protettrici.

La Mazzamauro racconta di sé, della vita e degli esordi cinematografici, prendendo spunto dalla bruttezza. In proposito, risultano molto divertenti il ricordo dell’incontro fatale con Luciano Salce e quello con la truccatrice sul set. È una confessione pubblica, questa, in cui la protagonista si spoglia interiormente dei complessi, butta via la maschera, si prende in giro (perché l’autoironia è l’unica medicina), si libera di tutti quei pregiudizi borghesi ricevuti, da cui noi, ipocritamente, pensiamo di essere liberi e che invece, proprio a causa della loro sotterranea presenza, rendono questa confessione così forte, dura.

Insomma, la Mazzamauro si mostra per ciò che è, come recita esemplarmente il titolo, Nuda e cruda. La Mazzamauro, però, si spinge oltre il semplice racconto autobiografico: interpreta personaggi, canta e accenna qualche passo di danza. È qui che emergono, in modo evidente, la bravura teatrale e la profondità artistica della poliedrica attrice.

In particolare, sono un pugno nello stomaco il personaggio della massaia a cui hanno ucciso la figlia (dedicato alla madre di Melania Rea), quello della devota che prega Maria, e il bellissimo episodio di una Magnani abbandonata che, in una scena notturna e casalinga, tenta di riconquistare al telefono il cuore ormai lontano di Roberto Rossellini” (Andrea Pierantoni).

(cm)

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

Leggi altri articoli della rubrica "Cultura ed Eventi"


Underground

POWER DUO: ascolta "Macello" degli Zolle

di Giusy Locatelli

POWER DUO: ascolta In piena emergenza Covid-19 e nell'epicentro della zona rossa, esce il 3 aprile 2020 Macello, l'ultimo lavoro discografico dei lodigiani Zolle. Strampalato duo strumentale chitarra-bat …