6 Giugno 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Martedì, 07 Aprile 2020 09:01

Sing, Film d’animazione e musica – Qualcosa da fare mentre restate a casa

Sing, Film d’animazione e musica – Qualcosa da fare mentre restate a casa
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Salvatore Leo


Se non sapete più che pesci pigliare per intrattenere i vostri bambini in casa in questi giorni di distanza sociale, ci permettiamo di darvi un suggerimento.

E’ stata una scoperta di poco tempo fa: si tratta di Sing, film d'animazione del 2016 diretto da Garth Jennings e prodotto da Illumination Entertainment, la casa produttrice dei Minions e della saga di Cattivissimo Me, e lo trovate su Netflix.

In una città della California, uno squattrinato produttore teatrale, il koala Buster Moon, non sa più come tirare avanti la baracca: i debiti aumentano, i dipendenti vogliono essere pagati, la banca non gli crede più.

Prova quindi a lanciare nel suo teatro una gara per aspiranti cantanti, promettendo $1000 al vincitore. Ma la segretaria di Moon fa un macello e agli abitanti della città arrivano dei volantini che riportano un premio di $100.000, con conseguenti code ai provini e enormi aspettative. Quando si scoprirà che il premio è ben più modesto, cominceranno i guai.

E’ l‘inizio di una trama semplice, leggera e divertente: i bambini, ma anche gli adulti, entrano inevitabilmente in empatia con i protagonisti – animali. Oltre alla figura di Moon, c’è il gorilla canterino Johnny che vuole fuggire dal destino che il padre ha disegnato per lui nell’ambiente della criminalità, la maialina Rosita, casalinga dalla bella voce che ha sopito le sue aspirazioni per assolvere ai doveri familiari, la giovane elefantessa Meena dalla bellissima voce, ma troppo timida per esibirsi, l’istrice Ash delusa in amore che lascia il fidanzato rocker troppo ingombrante per seguire la sua strada da solista nel rock.

La storia è lineare, a tratti prevedibile, ma è proprio per questo che coinvolge: per la semplicità estrema, la sua profonda onestà, ma soprattutto per la qualità delle performance musicali presenti.

Il cast è ricco di attori e cantanti che prestano le voci ai personaggi: c’è Scarlett Johansson che mostra le sue doti canore cantando la sua Set all free, c’è Jennifer Hudson con una suggestiva interpretazione di Golden Slumbers/Carry that Weight dei Beatles e di Hallelujah di Leonard Cohen, e poi c’è Taron Egerton, voce di Johnny il gorilla che canta I’m steel standing di sir Elton John e che nel 2019 interpreterà proprio la rockstar inglese nella sua biografia cinematografica Rocket Man.

Non mancano i brani in versione originale che riempiono l’atmosfera del film: Bamboleo dei Gipsy King, The Wind di Cat Steven, e Underpressure di Queen e David Bowie e il duetto Stevie Wonder eAriana Grande che con Faith danno il via al film.

La voce del protagonista Buster Moon, che non canta, è quella di Matthew McConaughey, che in italiano è sostituito dal suo doppiatore Francesco Prando. Il film è stato un grande successo, registrando al botteghino più di 600 milioni di dollari in tutto il mondo.

Insomma, tanta qualità in questo Sing che se non brilla per originalità, come abbiamo detto, sicuramente regala ai bambini più di un’ora e mezza di divertimento, e ai loro genitori un attimo di tregua. E per il 2021 è previsto il sequel Sing 2.

 

  Salvatore Leo - Onda Musicale

 

 

 

Leggi altri articoli della rubrica "Cultura ed Eventi"


Underground

POWER DUO: ascolta "Macello" degli Zolle

di Giusy Locatelli

POWER DUO: ascolta In piena emergenza Covid-19 e nell'epicentro della zona rossa, esce il 3 aprile 2020 Macello, l'ultimo lavoro discografico dei lodigiani Zolle. Strampalato duo strumentale chitarra-bat …