15 Agosto 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Martedì, 28 Maggio 2019 16:52

"A suon di parole - Il gioco del contraddittorio" al Festival dell’Economia la finale

"A suon di parole - Il gioco del contraddittorio" al Festival dell’Economia la finale
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Il torneo di dibattito argomentativo “A suon di parole” approda per il secondo anno al Festival dell’Economia: venerdì 31 maggio presso la Facoltà di Giurisprudenza, nella sezione “Confronti” del Festival, si terrà infatti la finale del torneo a partire dalle ore 15.

Gli studenti della classe IV F dell’Istituto “don L. Milani” e della classe III AB dell’Istituto “A. Tambosi” discuteranno sul tema: “Per sviluppare una comunità territoriale è più importante conoscere i processi della realtà locale o della realtà globale?” Nel corso dell’anno scolastico 2018/19 i partecipanti al torneo si sono infatti spesso cimentati con temi relativi all’educazione alla cittadinanza, sviluppando conoscenze in questo ambito.

Da nove anni IPRASE, assieme alla Facoltà di Giurisprudenza, al Comune di Trento e al Comune di Rovereto, sostiene e promuove il torneo in cui gli studenti si affrontano in gare di oratoria basate sulla capacità di argomentare e contro-argomentare in modo controllato attorno a tematiche di carattere civico, sociale e interculturale. Gli studenti si sfidano, in questo senso, “a suon di parole”.

Negli anni sono stati coinvolti circa 6.300 studenti delle classi del ciclo secondario di secondo grado, che si sono esercitati nell’arte della dialettica e della controversia, apprendendo metodi, regole e principi che, secondo quanto auspicato dal progetto, possono diventare parte del loro patrimonio di cittadini. Nel 2018/2019 gli Istituti partecipanti sono stati 15 e, oltre ai 1300 alunni, sono stati coinvolti più di 200 docenti, giudici e tutor. 9 sono state invece le squadre che hanno partecipato alle gare in lingua straniera nel torneo in inglese (Wordgames) e in tedesco (Wortgewerb), concluse durante la manifestazione “Educa”. Si è inoltre sperimentato con successo un toneo nella Scuola secondaria di primo grado, con la partecipazione dell’I.C. “L. Negrelli”. 

Obiettivo primario del torneo è la promozione di competenze linguistiche, logico/argomentative, interculturali e di cittadinanza nell’ambito del parlato, della comunicazione non verbale e della capacità di esprimersi in pubblico. Vengono in tal modo sviluppate soft skills e life skills, quindi: capacità creative, comunicative, di ascolto, di iniziativa, pro-socialità, resilienza ecc.

Il torneo costituisce pertanto un percorso formativo alla pratica democratica e al confronto civile, favorendo lo sviluppo di competenze sociali, di intraprendenza e di integrazione, secondo le indicazioni europee. Le testimonianze dei docenti e degli studenti, rilevate con monitoraggi quantitativi e qualitativi, confermano che in tal modo sono potenziate negli alunni abilità utili per la vita e per il rapporto con il mondo del lavoro e con il territorio. In questo senso Luciano Covi, direttore IPRASE, e Paolo Sommaggio, referente scientifico del progetto, parleranno dell’importanza del dibattito per l’educazione civica.

Alla finale saranno presenti l’assessore all’istruzione e cultura Mirko Bisesti, il nuovo presidente del Comitato Tecnico Scientifico dell’IPRASE Renato Troncon e il preside della Facoltà di Giurisprudenza Fulvio Cortese.

 

Leggi altri articoli della rubrica "Focus Regione"