2 Giugno 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Martedì, 28 Gennaio 2020 09:33

"Adriano Olivetti. Il sogno possibile" al teatro di Meano

"Adriano Olivetti. Il sogno possibile" al teatro di Meano
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


Il 31 gennaio 2020 alle ore 18.30 al Teatro di Meano si tratterà il tema “Si può essere capitalisti e rivoluzionari? Il lavoro inteso non solo come realizzazione di profitto ma soprattutto della propria identità sociale”.

A seguire alle ore 20.45 andrà in scena Adriano Olivetti – Il sogno possibile.

Adriano Olivetti – il sogno possibile, in scena al Teatro di Meano venerdì 31 gennaio 2020 alle ore 20.45, pone al centro la figura dell’industriale e dell’intellettuale di Ivrea, e i molti uomini e donne che hanno condiviso la sua esistenza, le sue idee e la sua utopia in un continuo fluire tra letteratura e quotidianità, con uno sguardo che ben si inserisce nelle tematiche che verranno affrontate nel dibattito antecedente lo spettacolo.

Alle 18.30 prenderà il via l’incontro Si può essere capitalisti e rivoluzionari? Il lavoro inteso non solo come realizzazione di profitto ma soprattutto della propria identità sociale, un dibattito  con l’attrice Laura Curino e alcuni ospiti speciali.

Interverranno infatti Martino Orler, manager di REDO upcycling e Protesica sanitaria e Amministratore di Cooperativa ALPI di Trento, un luogo dove impresa e rivoluzione si incontrano davvero; Andrea Grosselli della segreteria confederale CGIL – si occupa in particolar modo di politiche del lavoro e  welfare, da sempre impegnato nella tutela di tutti i lavoratori e di tutte le lavoratrici per l’uguaglianza e il riconoscimento dei diritti di tutti; e Isabella Speziali responsabile Ufficio studi delle politiche e del mercato del lavoro dell’Agenzia del Lavoro di Trento.

Laura Curino pone al pubblico – durante lo spettacolo – le domande che si faceva quarant’anni fa Adriano Olivetti, capitano di un’azienda allora ai vertici mondiali, manager illuminato sostenitore di un’industria dal volto umano, di un’economia fonte di progresso anche sociale, anche intellettuale.

Molti parteciparono a quel progetto. Furono anni di grande fermento culturale, dove persone diverse e a diversi livelli contribuirono a creare un fenomeno di rilevanza internazionale, che resta ineguagliato per ampiezza di spettro, profondità di elaborazione, successo su entrambi i fronti dell’economia e della comunicazione, o, come si direbbe oggi, dell’immagine.

Parte di quel successo venne dalla felice contaminazione tra mondo dell’economia, tecnologia, filosofia, scienze sociali ed arte. Ivrea diventò il centro di un laboratorio permanente di sperimentazione osservato da tutto il mondo. Molte delle energie che mossero quella grande trasformazione sono ancora presenti e vitali, desiderose di essere attivate per una nuova progettualità, ognuna secondo le diverse competenze in uno sforzo di comprensione della realtà attuale.

Adriano Olivetti – Il sogno possibile
venerdì 31 gennaio 2020 ore 20.45 al Teatro di Meano

di Laura Curino e Gabriele Vacis
lettura a cura di Laura Curino
scelte musicali Roberto Tarasco
audio e luci Alessandro Bigatti
organizzazione Federico Negro
produzione Associazione Culturale Muse
Evento in collaborazione con CGIL

 

 
 
(gt)
 
 
 
 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE FOCUS REGIONE
Leggi altri articoli della rubrica "Focus Regione"


Underground

POWER DUO: ascolta "Macello" degli Zolle

di Giusy Locatelli

POWER DUO: ascolta In piena emergenza Covid-19 e nell'epicentro della zona rossa, esce il 3 aprile 2020 Macello, l'ultimo lavoro discografico dei lodigiani Zolle. Strampalato duo strumentale chitarra-bat …