9 Agosto 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Mercoledì, 01 Aprile 2020 16:06

"Trento si aiuta" vola oltre i 700 volontari, sospesa la raccolta di adesioni

"Trento si aiuta" vola oltre i 700 volontari, sospesa la raccolta di adesioni
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


L'assessore Franzoia: "Vista la generosità dei cittadini, stiamo pensando di attivare nuove iniziative di supporto alle famiglie, agli anziani e ai senza dimora."

E' stata momentaneamente sospesa la raccolta di adesioni alla piattaforma "Trento si aiuta", ideata per gestire i volontari disponibili a supportare gli anziani soli e le persone più fragili. Chi oggi volesse aggiungersi ai tanti soggetti (cittadini singoli o associazioni) che consegnano la spesa e le medicine a domicilio o che danno supporto telefonico a chi è in difficoltà in questo periodo di isolamento trova nella piattaforma questo messaggio: "Al momento siamo in tantissimi, oltre 700, abbiamo quindi deciso di sospendere l'adesione al form per avere il tempo di organizzare al meglio i volontari già disponibili e strutturare possibili ulteriori ambiti di attivazione. Qualora si riscontrasse la necessità di rilevare ulteriori disponibilità, sarà nostra premura promuovere una nuova campagna di raccolta volontari.Ti ringraziamo moltissimo, anche solo per il pensiero avuto".

Come spiega l'assessore alle Politiche sociali Mariachiara Franzoia, lo stop nella raccolta delle adesioni non comporta una battuta d'arresto negli aiuti. Anzi, la grande macchina solidale messa in moto già nei primi giorni dell'emergenza Coronavirus  semmai amplia il suo raggio d'azione. "Non raccogliamo più nuovi volontari perché abbiamo già oltre 720 nominativi a disposizione. È impossibile attivarli tutti perché l'offerta di aiuto è superiore alla domanda."

"Anche per questa grande disponibilità di volontari stiamo pensando di potenziare i servizi: non solo per gli anziani, ma anche per le famiglie, soprattutto per quelle con figli piccoli e per quelle monoparentali. Vorremmo attingere a questa grande riserva di generosità dei nostri cittadini per attivare qualche nuova iniziativa anche per i senza dimora e per chi vive in condizioni di emarginazione. Ringraziamo comunque tutti coloro che stanno lavorando e anche quelli che non sono stati chiamati fino ad oggi: è confortante vedere che i cittadini di Trento sono sempre pronti a correre in aiuto di chi è in difficoltà".

Gli uffici delle Attività sociali stanno lavorando proprio per definire queste nuove iniziative insieme alle associazioni e alle cooperative che già lavoravano sul territorio e che, anche in questo periodo, cercano di tenere in vita in modo "creativo" rapporti e supporti del periodo precedente all'emergenza.

 

Leggi altri articoli della rubrica "Focus Regione"