6 Dicembre 2019
Magazine di Musica e Spettacolo
Lunedì, 17 Giugno 2019 16:04

17 giugno 1981: i Pink Floyd (con Waters) eseguono per l'ultima volta The Wall

17 giugno 1981: i Pink Floyd (con Waters) eseguono per l'ultima volta The Wall
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione


E' la sera del 17 giugno del 1981 quando all’Earls Court di Londra i Pink Floyd eseguono la trentunesima (ed ultima) performance di The Wall, uno dei loro dischi più rappresentativi.

La produzione del concerto di The Wall era davvero colossale e, probabilmente, ha segnato il punto più alto delle loro performance live. Infatti, durante The Wall prendeva forma un gigantesco muro mentre la band suonava integralmente l’album, cosa peraltro riproposta spesso in futuro, dallo stesso Waters nei propri concerti. Qualcuno ha ipotizzato che questa straordinaria scenografia fosse la quintessenza stessa del significato del disco: il distacco fra le band e la gente, simboleggiato dal muro. Il 17 giugno 1981 fu l’ultimo concerto di Roger Waters con i Pink Floyd, o viceversa. Roger lasciò la band nel 1983 dopo l'uscita di The Final Cut.

La lattura della simbologia dell'intero concept album passa (inevitabilmente) attraverso il fatidico episodio in cui Roger Waters sputò ad uno spettatore che lo infastidiva durante un concerto del tour di Animals. Era il 6 luglio 1977 e i Pink Floyd suonavano a Montreal, in Canada. Tuttavia, i Floyd (o meglio Roger Waters) ebbero bisogno di altri 18 mesi, da quell'episodio, per realizzare The Wall, che venne pubblicato il 30 novembre 1979. (leggi l'articolo)

La band attraversava una forte crisi identitaria e la rottura sembrava ormai solo rimandata di continuo. Un segnale forte a tale proposito fu l'allontanamento di Richard Wright (per volere di Waters) il quale compare nei crediti del disco solo come turnista e che partecipa al successivo tour promozionale. 

Qualcuno giudica The Wall come figlio di Animals (leggi l'articolo) o la sua naturale prosecuzione, una sorta di secondo capitolo e certe sonorità effettivamente ricordano il magnifico disco del 1977. Tuttavia, a noi piace pensare che The Wall sia stato un disco che ha portato (quasi condotto per mano) la band verso The Final Cut, disco scritto da Roger Waters e suonato dai Pink Floyd. (leggi l'articolo)  

 

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

Leggi altri articoli della rubrica "Musica"