6 Agosto 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Giovedì, 24 Novembre 2016 10:45

Rosmy: la vincitrice del premio Mia Martini 2016 si racconta in un'intervista

Rosmy: la vincitrice del premio Mia Martini 2016 si racconta in un'intervista
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Stefano Leto


Cantante e attrice teatrale che da anni si occupa di musica e prevalentemente del recupero di vecchie melodie della tradizione. Erede della Famiglia Trinchitella, musici e suonatori girovaghi di arpa e violino, che hanno portato a New York e Parigi la tradizione dell'arpa Viggianese.

Rosamaria Tempone, in arte Rosmy, è cantante del gruppo musicale The Music Family - F.lli Tempone e vincitrice sin da bambina di vari Festival canori in Basilicata, Campania e Puglia. La sua voce è presente anche in vari spettacoli teatrali portati in scena in diverse città italiane dalla compagnia “Centro Mediterraneo delle Arti”, riconosciuto dal Ministero delle attività culturali.

Ha cantato con Francesco Di Giacomo e Rodolfo Maltese (Banco del Mutuo Soccorso) nello spettacolo “Pane Loro” di Stefano Mencherini, prodotto dalla Regione Puglia, Provincia di Roma e CGIL.

Ha cantato in diversi “Caffè Letterari organizzati in Basilicata in particolare alla presentazione del “Museo della Canzone Napoletana” di Aldo De Gioia, cantando insieme al maestro tenore Federico De Curtis.

Le abbiamo rivolto alcune domande.

 

Chi è Rosmy in poche parole? 

"Rosmy è una semplice ragazza che ha sempre perseguito la sua passione per l’arte in genere, amo cantare, recitare ma soprattuto ricercare nelle tante forme artistiche l’emozione giusta e quella carica emotiva che possa arricchire la mia sete di musica e di arte. Sono cresciuta tra note e parole e in famiglia ho sempre respirato musica, sono tutti musicisti, con i miei fratelli ho creato il gruppo “The Music Family” dei fratelli Tempone, ancora attivo in Basilicata e il mio passato è ricco di storie di avi musicisti girovaghi che suonavano l’arpa e il violino al Metropolitan di New York, a Parigi…Amo scavare anche nel passato per anni in teatro ho portato alla luce e riarrangiato, inserendoli nei diversi testi teatrali, melodie antiche, popolari, etniche….insomma credo nel passato e nelle diverse esperienze che sono quelle che mi hanno fatto diventare quella che sono: una cantautrice che crede in ciò che sente e in ciò che canta."

Recentemente hai partecipato al forum “Amare non è violenza”, cosa puoi dirci riguardo a questa tua esperienza?

"Il mese di Novembre ormai è diventato il mese sensibile sul tema: violenza delle donne, una realtà che però ci minaccia tutti i giorni, ecco perché credo che bisogna confrontare le esperienze, acquisire consapevolezza per rafforzarci. La conoscenza è l’arma più efficace per combattere la violenza, imparando a riconoscerla in tutti i suoi aspetti, e prendendo le giuste precauzioni per prevenirla. Ecco perché da anni partecipo a diversi eventi in beneficenza sulla discriminazione, abusi e violenza contro le donne, vorrei unirmi per abbattere quel muro di silenzio che le rende vittime. Il 18 Novembre ero presente a Potenza al FORUM “Amare non è violenza”, il 25 sarà a Salerno “NO ALLA VIOLENZA” dove mi sono esibita con dei brani che sottolineano questo tema forte, perché credo che la musica sa farsi ascoltare a volte più delle parole...Violenza non è solo uccidere. E’ violenza anche quando usiamo parole o gesti mordaci, quando obbediamo per paura. Violenza non è solo strage organizzata in nome di Dio, della società o della patria. La violenza è molto più sottile, molto più profonda."

Con “Un istante di noi” hai vinto il Premio Mia Martini. Quali sono le tue sensazioni?

"Vincere un premio con un nome così importante è una grossa responsabilità, significa saper esprimere il vero senso del Premio Mia Martini. E’ stata un’emozione grande, non semplice da descrivere, una soddisfazione enorme dopo tanto impegno, grande entusiasmo e motivazione che mi hanno portata ad andare avanti sempre e comunque. “Un istante di noi” nato con semplicità senza pretese, non mi aspettavo nulla ed è arrivato tanto…oggi mi sta dando la possibilità di essere ospite in diversi eventi importanti, quello più imminente sarà il 7 dicembre a Policoro in memoria del grande Pino Mango, insieme ad altri cantanti della musica italiana, dove canterò live “Un istante di noi”, e “Se mi sfiori” scritta e cantata dallo stesso Mango nel 1976 e successivamente interpretata da Mia Martini per contribuire nel mio piccolo a far rivivere e ricordare questi due grandi Artisti. Ma anche eventi importanti futuri che non faranno altro che far crescere e arricchire la mia esperienza artistica e professionale." 

Su cosa stai lavorando al momento?

"Al momento mi sto preparando artisticamente alla mia partecipazione come Vincitrice del Premio Mia Martini a “Casa Sanremo”, dove mi vedrà presente con l’ esibizione live del brano “Un istante di noi” davanti agli addetti ai lavori: stampa, discografici, radio, network ecc…" 

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

"Il nuovo anno inizierà con un nuovo progetto che mi vedrà partecipe in diverse uscite discografiche per arrivare poi al mio Ep verso un nuovo anno ricco di grandi novità e tanti live in giro per l’Italia e non solo."

 

Stefano Leto - Onda Musicale

 

 

Leggi altri articoli della rubrica "Recensioni e Interviste"