21 Settembre 2020
Magazine di Musica e Spettacolo
Giovedì, 04 Giugno 2020 11:03

Baby Driver: "Questo lavoro è fatto di tre cose: soldi, sesso e azioni!"

Baby Driver: "Questo lavoro è fatto di tre cose: soldi, sesso e azioni!"
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Gabriele Tomasi


"Baby Driver - Il genio della fuga" (questo il titolo italiano) è un film scritto e diretto da Edgar Wright e uscito nel 2017, in cui la musica ha un ruolo molto importante.

Tra gli interpreti troviamo Ansel Elgort, Kevin Spacey, Lily James, Jamie Foxx e Flea dei Red Hot Chili Peppers. Il protagonista è Baby (Ansel Elgort), un ragazzo abilissimo nel guidare le automobili, che si trova costretto a lavorare per Doc (Kevin Spacey), un boss che organizza rapine. A causa di un incidente stradale accaduto quando era piccolo e in cui perse i genitori, Baby soffre di acufene cronico (il fischio nelle orecchie).

Per cercare di non sentirlo il ragazzo ascolta sempre musica con gli auricolari, che è ormai diventata parte della sua vita. Lo è al punto da scegliere che canzoni ascoltare in base a quello che deve fare, sincronizzando i suoi movimenti con la musica, anche durante le rapine. Tra i suoi colleghi di malavita troviamo Pazzo (Jamie Foxx), Eddie (Flea), Buddy (Jon Hamm - praticamente un sosia di Robert Downey Jr.) e la sua compagna Darling (Eiza González). Completa il cast Debora (Lily James), la ragazza di Baby.

Il film è ben fatto dal punto di vista tecnico, ma difetta purtroppo nel soggetto, piuttosto standard. Che razza di nomi sono Baby, Doc, Pazzo, Buddy e Darling per dei criminali? Non è una pura questione di principio, perché tutto il soggetto è caratterizzato dalla stessa faciloneria, con dei personaggi che sono solo degli stereotipi. Dispiace in particolare vedere Kevin Spacey intrappolato sempre nello stesso ruolo di cattivo: "Baby Driver" sembra un remake di "21" e "I soliti sospetti" mescolati assieme. Se poi in un film cercate azione, musica e intrattenimento, questa pellicola vi andrà benissimo.

Come detto la musica è un elemento fondamentale del film. Julian Slater, supervisore all'editing del suono, racconta che quando gli fu proposto di lavorare a "Baby Driver" ricevette assieme alla sceneggiatura una lista di canzoni e un primo mix audio delle medesime. Steven Price, responsabile della colonna sonora, lavorò gomito a gomito con il regista Edgar Wright fino a selezionare dieci tracce per delineare la direzione musicale che volevano avesse il progetto. Già prima dell'inizio delle riprese la sceneggiatura prevedeva la presenza di molte canzoni specifiche. La produzione acquistò i diritti di 36 tracce, mentre per alcune canzoni hip hop ed elettroniche non fu possibile perché contenevano campioni non riconoscibili con certezza. A quel punto vennero acquisiti i diritti sui campioni ed inseriti direttamente nella colonna sonora.

Il risultato di questo lavoro è che le musiche si incastrano e si sposano benissimo con le scene, e in molte sequenze del film le canzoni sono vere e proprie protagoniste. In alcuni momenti la fusione tra immagini e musica è spettacolare, ad esempio quando Baby cammina per strada andando a prendere il caffè ascoltando "Harlem Shuffle"; nella fuga del ragazzo e la successiva sparatoria sulle note "Hocus Pocus" in cui i singoli colpi di pistola sono sincronizzati con la canzone, esattamente come nello scontro a fuoco sulla musica di "Tequila".

Tra gli autori dei brani musicali troviamo mostri sacri come Jon Spencer Blues Explosion, The Beach Boys, The Commodores, T. Rex, Beck, Martha and the Vandellas, Sam & Dave, Blur, Focus, Barry White, Queen, Simon & Garfunkel, Steve Miller Band, R.E.M. e persino Ennio Morricone. Le uniche canzoni scritte apposta per il film sono "Chase Me" e "Was He Slow?" realizzate da Danger Mouse e Kid Koala, assieme ad una cover di "Easy" dei Commodores rifatta da Sky Ferreira. Curiosità: il titolo del film deriva da quello di un brano di Simon & Garfunkel contenuto nell'album "Bridge over Troubled Water", udibile sui titoli di coda.

Dal film sono state tratte ben due compilation contenenti la colonna sonora. La prima è intitolata "Baby Driver (Music from the Motion Picture)" ed è stata rilasciata il 23 giugno 2017.
Questa è la tracklist completa:

Disc one
01. Bellbottoms - Jon Spencer Blues Explosion
02. Harlem Shuffle - Bob & Earl
03. Egyptian Reggae - Jonathan Richman & The Modern Lovers
04. Smokey Joe's La La - Googie René
05. Let's Go Away for Awhile - The Beach Boys
06. B-A-B-Y - Carla Thomas
07. Kashmere - Kashmere Stage Band
08. Unsquare Dance - Dave Brubeck
09. Neat Neat Neat - The Damned
10. Easy (single version) - The Commodores
11. Debora - T. Rex
12. Debra - Beck
13. Bongolia - Incredible Bongo Band
14. Baby Let Me Take You (In My Arms) - The Detroit Emeralds
15. Early in the Morning - Alexis Korner

Disc two
16. The Edge - David McCallum
17. Nowhere to Run - Martha and the Vandellas
18. Tequila - The Button Down Brass
19. When Something Is Wrong with My Baby - Sam & Dave
20. Every Little Bit Hurts - Brenda Holloway
21. Intermission - Blur
22. Hocus Pocus (original single version) - Focus
23. Radar Love (1973 single edit) - Golden Earring
24. Never, Never Gonna Give Ya Up - Barry White
25. Know How - Young MC
26. Brighton Rock - Queen
27. Easy - Sky Ferreira
28. Baby Driver - Simon & Garfunkel
29. Was He Slow? (credit roll version) - Kid Koala featuring Kevin Spacey and Jon Bernthal
30. Chase Me - Danger Mouse featuring Run the Jewels and Big Boi

La seconda compilation, intitolata "Baby Driver Volume 2: The Score For a Score" è uscita il 13 aprile 2018. Contiene alcune tracce non presenti nell'altra raccolta, le musiche scritte da Steven Price, remixes e brevi dialoghi dal film.
La scaletta è la seguente:

Side A
01. Robbery Arrival - Steven Price
02. Chase Me - Danger Mouse Feat. Run the Jewels and Big Boi
03. Secondo Intermezzino Pop - Ennio Morricone
04. Candy From Baby / What’s In There Is Ours - Steven Price
05. Harlem Shuffle - The Foundations
06. Sunset That Ride - Steven Price
07. You’re back! (dialogo) - Lily James & Ansel Elgort
08. Baby I'm Yours - Barbara Lewis
09. Cry Baby Cry - Unloved
10. Keep Driving and Never Stop - Steven Price
11. Threshold - Steve Miller Band
12. Nowhere to Run (Baby Driver Mix) - Boga
13. TaKillYa (Baby Driver Mix) - Vinnie Maniscalco

Side B
14. Run the Jewels - Run the Jewels
15. Bananas - Steven Price
16. Ready Let's Go - Boards of Canada
17. Dumb-Ass Excuse - Steven Price
18. Debora - Kid Koala
19. What did you do? (dialogo) - Jon Hamm & Ansel Elgort
20. Hocus Pocus (Baby Driver Mix) - Focus
21. My name is Joseph (dialogo) - Ansel Elgort
22. New Orleans Instrumental No. 1 - R.E.M.
23. Lucky Charm - Steven Price
24. Run - Steven Price
25. Easy (Baby Driver Mix) - Sky Ferreira
26. Postcards from Debora - Steven Price
27. Killer Track (dialogo) - Jon Hamm & Ansel Elgort
28. Blue Song - Mint Royale

È tutto? No, perché dalle compilation sono rimaste escluse alcune canzoni udibili nel film: "You Are So Beautiful" di Bruce Fisher e Billy Preston, cantata da Bug Hall dal film "Piccole canaglie"; "The Original Five" di Heitor Pereira e Hans Zimmer dal film "È complicato"; "Randall's Attack" di Randy Newman da "Monsters & Co."; "Holy Calamity (Bear Witness II)" di DJ Shadow, Prince Paul e Dan The Automator, eseguita da Handsome Boy Modeling School; "Hollaback Girl" di Gwen Stefani e Pharrell Williams, interpretata da Eiza González.

Il film è stato candidato ai Premi Oscar 2018 nelle categorie Miglior montaggio, Miglior sonoro e Miglior montaggio sonoro, senza vincere.

 

 Gabriele Tomasi - Onda Musicale

 

 

 

PAGINA FACEBOOK DI ONDA MUSICALE

Leggi altri articoli della rubrica "Soundtracks"